CBUAE riafferma l'integrazione finanziaria del settore bancario degli Emirati Arabi Uniti

ABU DHABI, 12 marzo 2019 (WAM) - Le banche con sede negli EAU hanno mantenuto la loro integrità finanziaria durante il quarto trimestre 2018 in seguito all'applicazione degli standard di Basilea III, un quadro normativo volontario globale sull'adeguatezza del capitale bancario, prove di stress e rischio di liquidità del mercato.

La Banca Centrale degli Emirati Arabi Uniti ha dichiarato che le banche operanti negli Emirati Arabi godono di una redditività elevata e un solido profilo finanziario, con coefficiente di adeguatezza patrimoniale, prima quota, corrispondenza ordinaria delle azioni alla prima tranche, raggiungendo rispettivamente il 18,2 %, 16,9 % e 14,9 % , percentuali molto più alti dei requisiti normativi stabiliti dalla CBUAE.

Il rapporto prestiti / depositi (LDR) di tutte le banche è sceso dal 94,8% nel settembre 2018 al 94,4% entro la fine del quarto trimestre 2018, dopo l’aumento del 99% nel quarto trimestre del 2017, in quanto i depositi hanno superato i prestiti durante il periodo monitorato.

Il LDR è giunto rispettivamente al 94,7% e al 93,1% presso le banche convenzionali e islamiche, in calo rispettivamente del 4% e del 5% rispetto al trimestre precedente. Lo stesso rapporto ha raggiunto il 94,1% nelle banche nazionali, 0,6% in meno rispetto a settembre 2018, attestandosi al 96,7% nelle banche estere con sede negli EAU rispetto a 95,5 entro la fine del terzo trimestre 2018.

Il rapporto delle disponibilità liquide è aumentato dal 16,1% alla fine del terzo trimestre al 17,4% entro la fine del quarto trimestre del 2018, mentre le attività liquide totali si attestano a 407,6 miliardi di AED alla fine del terzo trimestre, 35,4 miliardi di AED rispetto a quello registrato fino alla fine del Q3. Le attività liquide totali delle banche degli Emirati Arabi Uniti sono arrivate a 9,7 miliardi di AED, in aumento del 2,4%.

Tradotto da: G. Mohammed.

http://wam.ae/en/details/1395302746873

WAM/Italian