I giovani emirati guidano l'iniziativa comunitaria per accogliere le persone a Expo 2020

DUBAI, 13 marzo 2019 (WAM) -- Tre giovani cittadini degli Emirati Arabi Uniti stanno guidando un'iniziativa comunitaria per aiutare Expo 2020 Dubai a mostrare la tradizionale ospitalità degli Emirati su scala globale attraverso il movimento 'Hayyakum', che mira ad estendere un caloroso benvenuto a milioni di persone visitatori internazionali e centinaia di partecipanti in vista della prossima Expo Mondiale.

I novenni Hamdan Sultan Al Subousi ed Elyazia Al Remeithi, e il dodicenne Abdulla Farhan Al Marzoogi, sono stati ispirati da Sua Altezza Sheikh Mohammed bin Rashid Al Maktoum, Vice Presidente, Primo Ministro e Sovrano di Dubai, che ha chiamato sui giovani a svolgere un ruolo centrale nella realizzazione di Expo 2020.

Gli studenti hanno deciso di incoraggiare le loro comunità ad aiutare l'Esposizione Universale ad accogliere il mondo dopo aver ascoltato un messaggio di Sua Altezza Sheikh Abdullah bin Zayed Al Nahyan, Ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, durante una recente visita a Expo, in cui ha usato il tradizionale Saluto degli Emirati di 'hayyakum'.

Dopo aver concordato la loro strategia, i bambini hanno visitato Expo 2020 per presentare la loro idea a Reem Al Hashemy, Ministro di Stato per la cooperazione internazionale e Direttore generale dell'Ufficio Dubai Expo 2020.

Al Hashimy ha dichiarato: "Lo spirito di questi bambini è esattamente ciò che rende il nostro Paese così speciale. Sebbene siano giovani, hanno un forte senso di responsabilità e disponibilità a parlare.

"Diamo il benvenuto al mondo negli Emirati Arabi Uniti dicendo 'hayyakum' e mi commuovo vedere la nostra gioventù ispirata dalla nostra leadership e che agisce su questa ispirazione. Accogliamo con favore la loro iniziativa, che incarna i valori della società degli Emirati Arabi Uniti ed è in linea con l'obiettivo di Expo di collegare le menti per costruire un futuro migliore."

L'impegno della comunità guidato dai giovani riunirà i cittadini e gli espatriati degli Emirati Arabi Uniti attraverso una serie di iniziative e attività per contribuire al successo della prima Expo mondiale che si terrà in Medio Oriente, Africa e Asia meridionale, MEASA, regione.

Hamdan Al-Subousi, uno degli studenti dietro l'iniziativa, ha dichiarato: "Ho già parlato con i miei amici a scuola su Expo 2020, quindi ho pensato che sarebbe stato anche meglio parlare con il resto del mondo. Parlo diverse lingue, quindi penso di poter accogliere persone provenienti da diversi paesi e contribuire a rendere questo il miglior Expo Mondiale della storia."

Abdulla Al Marzoogi ha dichiarato: "Seguo da vicino le notizie di Expo e non vedo l'ora che arrivi il 2020 per accogliere il mondo e dire" hayyakum "a tutti. Vorrei presentare persone da tutto il mondo a Expo e parlare loro del nostro paese - il suo passato, presente e futuro."

Elyazia Al Remeithi ha dichiarato: "Sono contento di vedere Expo 2020 sostenere le idee delle nuove generazioni. Spero che la nostra iniziativa raggiunga tutti gli Emirati. Chiederò alla mia famiglia ed ai miei amici di dare il benvenuto agli ospiti negli Emirati Arabi Uniti e spero di vedere tutti i residenti degli EAU coinvolti con noi in questa iniziativa."

Ad oggi, 190 nazioni hanno confermato la propria partecipazione a Expo 2020. Gli organizzatori prevedono di registrare 25 milioni di visite tra il 20 ottobre 2020 e il 10 aprile 2021, con il 70 percento di visitatori proiettati fuori dagli Emirati Arabi Uniti - la più alta percentuale di visitatori internazionali nella storia di 168 anni di Expo Mondiali.

Tradotto da: Hussein Abuel Ela.

http://wam.ae/en/details/5302746987139

WAM/Italian