Sultan Al Qasimi visita il padiglione Sharjah alla LBF

SHARJAH, 13 marzo 2019 (WAM) - Sua Altezza Dott. Sheikh Sultan bin Muhammad Al Qasimi, membro del Consiglio Supremo e Sovrano di Sharjah, ha affermato che il lavoro culturale richiede perseveranza, pazienza e diligenza, e questo lavoro deve essere costruito su un solida base per raggiungere la sostenibilità.

Il commento di Sua Altezza è venuto durante un incontro con i redattori capo dei giornali e un certo numero di istituzioni mediatiche locali e internazionali, in linea con la sua visita al Padiglione di Sharjah, rappresentato dall'Autorità del Libro di Sharjah, alla 48esima edizione della Fiera del Libro di Londra, LBF.

Lo sceicco Sultan bin Muhammad ha sottolineato che l'emirato ha tentato di fare domanda per il titolo "World Book Capital" otto volte prima che Sharjah ricevesse il riconoscimento, osservando che per avere successo nel settore culturale occorre compiere sforzi concreti e determinati per riuscire. Ha anche notato gli sforzi dell'emirato per servire gli intellettuali culturali per oltre 40 anni, attraverso diverse istituzioni, eventi e festival, osservando che i successi ottenuti da Sharjah riflettono quello del mondo arabo, soddisfacendo messaggi di coesione culturale e prodezza.

Sheikh Sultan ha continuato a notare come il mondo arabo deve fare molta attenzione a garantire il successo dei ministeri della cultura, guidati da ministri ben informati e stanziati budget appropriati per sostenere la crescita sociale e culturale. Ha elogiato il settore culturale degli Emirati Arabi Uniti, che sta facendo passi costanti verso la giusta direzione, fornendo quadri umani e strutture urbane avanzate che contribuiscono al suo avanzamento.

Ha anche affrontato una serie di argomenti geografici e storici, che sono di particolare interesse per Sua Altezza, sottolineando l'importanza di questi argomenti per capire meglio le abitudini, le culture e le tradizioni dei popoli che sono diverse nelle loro convinzioni, idee e stili di vita.

Il Sovrano di Sharjah ha concluso chiedendo agli scrittori in generale ed ai giornalisti in particolare di occuparsi della selezione degli argomenti trattati, in cui i loro scritti dovrebbero basarsi su fatti scientifici documentati e non c'è obiezione nell'esprimere opinioni, che non devono essere imposte sul lettore come se fosse la verità assoluta.

Accompagnato da Sheikha Bodour bint Sultan Al Qasimi, Vicepresidente dell'Associazione degli editori internazionali, IPA, Sua Altezza ha visitato il padiglione dell'emirato di Sharjah, e ascoltato un breve sommario sui titoli più importanti, e la finzione del padiglione sul primo giorno, rilevando che la prima partecipazione dell'Emirato di Sharjah alla Fiera del Libro di Londra è iniziata nel 2006.

Sheikh Sultan ha anche visitato il padiglione dell'Associazione degli Editori Emirati e ha incontrato alcuni membri del consiglio dell'associazione, che hanno anche esaminato i risultati più importanti dell'Associazione e i suoi piani futuri.

Sua Altezza ha visitato una serie di case editrici arabe e straniere e ha controllato i risultati più importanti nel mondo dell'editoria e della traduzione.

Durante la visita, Sua Altezza il Sovrano di Sharjah è stato accompagnato da Sulaiman Al Mazroui, Ambasciatore degli Emirati Arabi Uniti nel Regno Unito; Abdullah Mohammed Al Owais, presidente del dipartimento culturale di Sharjah; Ahmed bin Rakkad Al Ameri, presidente dell'Autorità del Libro di Sharjah; Abdulaziz Hamad Omran Taryam Direttore generale, Emirati del Nord Etisalat; Mohammed Hassan Khalaf, direttore generale della Sharjah Broadcasting Authority; Tariq Saeed Allay, direttore del Media Bureau del governo di Sharjah; Mohammed Jalal Al Rayssi, direttore esecutivo di WAM; Marwa Al Aqroubi, presidente del Consiglio degli Emirati Arabi Uniti sui libri per i giovani; un certo numero di caporedattori di giornali, istituzioni dei media e diversi editori.

Tradotto da: Hussein Abuel Ela.

http://wam.ae/en/details/1395302747119

WAM/Italian