Il Consiglio di coordinamento saudita degli EAU forma sette comitati che si occupano di 26 campi di sviluppo - Aggiornamenti

RIYADH, 15 aprile 2019 (WAM) -- Il Comitato esecutivo del Consiglio di coordinamento saudita degli Emirati Arabi Uniti ha annunciato il lancio di sette comitati congiunti nella sua seconda riunione a Riyadh lunedì come parte della collaborazione in corso tra i due paesi per integrare mercati finanziari e investimenti; industria ed energia; ambiente e alloggio; turismo e media; sviluppo umano; politica; militare e sicurezza.

L'incontro è stato convocato nell'ambito del quadro di attuazione di una visione di integrazione congiunta tra Emirati Arabi Uniti ed Arabia Saudita in termini di economia, sviluppo e militare, nonché per intensificare la cooperazione su questioni di interesse comune. Il comitato si propone di garantire la cooperazione e promuovere opportunità di collaborazione tra i due paesi all'interno del consiglio, nonché di misurare le loro prestazioni, garantire la sostenibilità dei loro piani, assicurare il successo delle loro iniziative congiunte e monitorare il lavoro dei gruppi competenti in vari settori.

Sotto la presidenza di Mohammad bin Abdullah Al Gergawi, ministro degli affari interni e futuro, e Mohammad Bin Mazyad Al Tuwaijri, ministro dell'Economia e della Pianificazione dell'Arabia Saudita, il comitato ha affrontato una serie di iniziative strategiche congiunte per accelerare la cooperazione in 26 settori di sviluppo.

"Il consiglio di coordinamento saudita e degli Emirati Arabi Uniti stabilisce un modello di riferimento per l'integrazione grazie al supporto illimitato della leadership dei due paesi ed ai loro instancabili sforzi per scatenare la sinergia per i migliori interessi della nostra gente", ha dichiarato Al Gergawi.

"Il pacchetto di progetti e iniziative esaminati dal comitato esecutivo del Consiglio conferma il terreno fertile per la cooperazione tra le due nazioni sorelle per lanciare nuovi progetti e completare i programmi lanciati nel periodo passato. Non vediamo l'ora di sfruttare nuove prospettive di collaborazione in nuovi settori, tra cui la salute e lo spazio, tra gli altri."

"I rapidi sviluppi regionali e globali comportano maggiori sinergie per creare un futuro migliore per il nostro popolo", ha aggiunto.

Al Tuwaijri ha detto che il Consiglio degli Emirati Arabi Uniti cerca di "assicurare uno sviluppo sostenibile e onnicomprensivo per i due paesi, sostenendo al contempo l'integrazione strategica in corso che rafforza lo status globale e regionale delle due nazioni e raggiunge le ambizioni delle loro popolazioni per una maggiore prosperità e sviluppo.'' Il Comitato Esecutivo ha raccomandato il lancio del comitato di sette integrazione per gestire e regolamentare 26 settori prioritari e valutare le opportunità di cooperazione.

I comitati per l'integrazione sono: - Comitato per le finanze e gli investimenti, co-presieduto da Obaid bin Humaid Al Tayer, ministro degli affari esteri degli Emirati Arabi Uniti e Hamad bin Abdullah Al Jada'an, ministro delle finanze saudita.

- Comitato Energia e Industria, co-presieduto da Suhail bin Mohammed Faraj Faris Al Mazrouei, Ministro dell'Energia e dell'Industria degli Emirati Arabi Uniti e Khalid Al Falih, Ministro saudita dell'energia, industria e risorse minerarie.

- Comitato per l'ambiente e l'alloggio, presieduto congiuntamente dal Dott. Abdullah bin Mohammed Belhaif Al Nuaimi, Ministro delle Infrastrutture degli Emirati Arabi Uniti e Majid bin Abdullah Al Huqail, Ministro delle abitazioni saudita.

- Comitato Turismo e media, presieduto congiuntamente dal Dott. Sultan bin Ahmad Al Jaber, Ministro di Stato degli Emirati Arabi e da Turki bin Abdullah Al Shabana, Ministro dell'Informazione saudita.

- Comitato per lo sviluppo umano, co-presieduto da Hussain bin Ibrahim Al Hammadi, ministro dell'educazione degli Emirati Arabi Uniti e dal dott. Hamad bin Mohammed Al Shaikh, ministro dell'Istruzione saudita.

- Comitato politico, copresieduto dal dott. Anwar bin Mohammed Gargash, dal ministro degli affari esteri degli Emirati Arabi Uniti e da Adel bin Ahmed Al-Jubeir, ministro degli affari esteri saudita.

- Comitato militare e di sicurezza, che sarà co-presieduto dai ministri delle due parti.

2. Aggiungendo di membri dalla parte degli Emirati è stato raccomandato di emettere una risoluzione per nominare Suhail bin Mohammed Faraj Faris Al Mazrouei, Ministro dell'Energia e dell'Industria degli Emirati Arabi Uniti e il Dott. Abdullah bin Mohammed Belhaif Al Nuaimi, Ministro per lo Sviluppo delle Infrastrutture degli Emirati Arabi Uniti, in qualità di membri degli EAU nel comitato esecutivo del Consiglio di coordinamento degli Emirati Arabi Uniti-Arabia Saudita.

Raggiungere la sicurezza alimentare è un obiettivo del Consiglio di Coordinamento degli Emirati Arabi Uniti. Il Comitato Esecutivo ha raccomandato l'introduzione della questione della sicurezza alimentare nell'agenda del Consiglio.

A tale riguardo, Mariam Hareb Almheiri, Ministro di Stato per la sicurezza alimentare, ha raccomandato lo sviluppo di una strategia unitaria di sicurezza alimentare con l'Arabia Saudita, nonché l'avvio di progetti comuni, per garantire la futura sicurezza alimentare per entrambi i paesi.

3 - Lo spazio è un settore chiave della cooperazione all'interno del consiglio. Il comitato ha anche discusso i mezzi per fare dello spazio un settore chiave della cooperazione, che servirà gli obiettivi del consiglio e gli interessi dei due paesi.

Iniziative strategiche a sostegno della cooperazione tra gli Emirati e gli Emirati. L'incontro del comitato ha visto una presentazione su diverse iniziative strategiche, che mirano a rafforzare la loro cooperazione e raggiungere gli interessi dei loro popoli.

Avvio di un progetto di mercato comune. I due paesi lanceranno un progetto di mercato aperto, che contribuirà a raggiungere la diversità economica ed a mantenere i loro risultati sul mercato.

Strategia di sicurezza alimentare unificata. Gli Emirati Arabi Uniti e l'Arabia Saudita stanno sviluppando una strategia di sicurezza alimentare unificata, per sfruttare la loro produttività nei settori dell'agricoltura, dell'allevamento e della pesca.

La visione del turismo congiunto. I due paesi stanno anche sviluppando una visione comune relativa al turismo ed al patrimonio nazionale, attraverso una partnership tra la commissione saudita per il turismo, il patrimonio nazionale ed il Ministero dell'economia.

Il Consiglio dei giovani dell'Arabia Saudita-EAU. è stata fatta una presentazione sull'istituzione del "Consiglio dei giovani dell'Arabia Saudita-Emirati", che è la chiave per il processo decisionale che darà un contributo positivo alle cause principali che riguardano i giovani di entrambi i paesi.

Comitato misto di cooperazione mediatica. Si sono svolte discussioni sull'istituzione del "comitato congiunto di cooperazione mediatica", con l'obiettivo di sviluppare il settore dei media di entrambi i paesi e formare il personale dei media, nonché di rafforzare la cooperazione tra le istituzioni dei media e lo scambio di competenza.

Studio dell'"Accordo Open Skies". L'Autorità per l'aviazione civile generale negli Emirati Arabi Uniti e l'Autorità generale dell'aviazione civile in Arabia Saudita sono stati incaricati di studiare l'accordo e presentarlo durante la prossima riunione del consiglio.

La "Strategia di sicurezza informatica". È stato discusso lo sviluppo di una "Strategia di sicurezza informatica", che mira a proteggere il ciberspazio dei due paesi e creare un ambiente tecnologico digitale sicuro, attraverso lo scambio di informazioni e competenze pertinenti.

"Comitato congiunto per la promozione di beni e industrie a livello globale". Il consiglio ha discusso la formazione di un comitato congiunto per studiare e valutare opportunità di promozione delle industrie locali in diversi paesi del mondo.

Cooperazione nel settore dell'energia e dell'industria. È stata valutata l'opportunità di promuovere la cooperazione nei settori dell'energia e dell'industria, in particolare nelle energie rinnovabili, nelle attività minerarie e manifatturiere.

Integrazione logistica. Un piano per studiare la cooperazione e l'integrazione è stato discusso tra le zone logistiche e le zone franche dei due paesi, con l'obiettivo di fornire interessanti opportunità di investimento nel settore logistico.

Partenariato diplomatico. È stato firmato un accordo di partenariato tra l'Istituto Diplomatico di Studi Diplomatici del Principe Saud Al Faisal e l'Accademia Diplomatica degli Emirati, per lo scambio di competenze nel settore della diplomazia. La partnership prevede di tenere corsi di formazione e programmi di studio per i membri dei ministeri degli affari esteri dei due paesi.

Visita a Ad Diriyah, Riyadh. Al termine del secondo incontro del comitato, i suoi membri hanno visitato Ad Diriyah a Riyadh, che è stata la prima capitale dell'Arabia Saudita.

Gli Emirati Arabi Uniti sono rappresentati da sei ministri del Comitato Esecutivo composto da 15 membri. Sono: Sultan bin Saeed Al Mansouri, ministro dell'Economia; Dott. Anwar Gargash, Ministro aggiunto per gli affari esteri; Obaid bin Humaid Al Tayer, ministro di Stato per gli affari finanziari; Hussain bin Ibrahim Al Hammadi, ministro della pubblica istruzione; Dott. Sultan Al Jaber, Ministro di Stato; e Ali bin Hammad Al Shamsi, vice segretario generale del Consiglio supremo di sicurezza nazionale.

I membri sauditi sono: Adel Al Jubeir, ministro di Stato per gli affari esteri; Khalid bin Abdulaziz Al Falih, ministro dell'energia, dell'industria e delle risorse minerarie; Hamad bin Abdullah Al Jad'an, ministro delle finanze, il dott. Hamad bin Mohammed Al Shaikh, ministro della pubblica istruzione; Turki bin Abdullah Al Shabana, ministro dell'Informazione; Ahmed bin Aqeel Al Khatib, presidente del consiglio delle industrie militari arabe; Mohammed bin Abdullah Al Ayesh, vice ministro della Difesa e faisal bin Fadhil Al Ibrahim, vice ministro dell'economia e pianificazione e segretario generale della prima sessione del Consiglio.

Il consiglio è stato istituito attraverso un accordo tra gli Emirati Arabi Uniti e l'Arabia Saudita nel maggio 2016, secondo le direttive del Presidente Sua Altezza Sheikh Khalifa bin Zayed Al Nahyan e del Re Salman bin Abdulaziz Al Saud, Custode delle Due Moschee Sacre, per raggiungere i loro obiettivi, la visione comune ed evidenziare la statura dei loro paesi nelle aree dell'economia, dello sviluppo sociale, della politica e dell'integrazione militare, nonché per assicurare il benessere delle loro comunità.

Tradotto da: Hussein Abuel Ela.

http://wam.ae/en/details/1395302755557

WAM/Italian