Aggiornamento- Prigione di cinque anni per condannato per reati informatici, che si unisce a Daesh

ABU DHABI, 14 maggio 2019 (WAM) - La Camera di sicurezza di Stato della Corte Suprema degli Emirati Arabi Uniti ha emanato una condanna a cinque anni di carcere a un cittadino delle Comore (AAAZ) di 21 anni e una multa di 1.000.000 di AED.

La Corte ha ordinato la confisca di tutti i dispositivi utilizzati per commettere i crimini, nonché la cancellazione di tutti i dati prodotti dal convenuto, nonché la chiusura di tutti i conti associati al convenuto. Alla persona condannata è stato inoltre ordinato di sostenere il costo di tutte le spese giudiziarie.

A.A.A.Z è stato riconosciuto colpevole per aver aderito all'organizzazione terroristica, Daesh, e aver giurato fedeltà ad Abu Bakr Al Baghdadi, il leader dell'organizzazione terroristica militante, tramite il loro conto Twitter.

La Corte ha anche condannato A.A.A.Z ad utilizzare il proprio conto Twitter per diffondere informazioni e articoli dannosi che promuovono Al Qaeda e Daesh, sollecitando anche giovani individui a unirsi a questi gruppi terroristici, conoscendo perfettamente la realtà e gli obiettivi di queste organizzazioni terroristiche. L'imputato è stato anche condannato per aver pubblicato articoli sui media che riportavano false informazioni dannose per gli Emirati Arabi Uniti e la sua comunità.

La Corte ha dichiarato che il colpevole ha violato gli articoli 1, 22 e 45 della legge federale n. 07 del 2014 sulla lotta contro i reati di terrorismo e gli articoli 1, 9, 26 e 41 della legge federale n. 05 del 2012 sulla lotta ai crimini informatici.

Tradotto da: Hussein Abuel Ela.

http://wam.ae/en/details/1395302762553

WAM/Italian