Dichiarazione congiunta emessa dagli EAU, Germania


BERLINO, 12 giugno 2019 (WAM) - Gli EAU e la Germania hanno riaffermato il loro impegno congiunto nella lotta al terrorismo e all'estremismo violento, in tutte le sue forme, a livello sia regionale che internazionale.

In una dichiarazione congiunta emessa oggi in occasione della visita di Sua Altezza Sheikh Mohamed bin Zayed Al Nahyan, Principe ereditario di Abu Dhabi e Vicecomandante supremo delle forze armate degli Emirati Arabi Uniti, in Germania, i due paesi hanno espresso la loro opinione condivisa sul terrorismo e l'estremismo violento che è una minaccia per l'ordine internazionale. Hanno inoltre ribadito il loro rifiuto inequivocabile di tutte le forme di terrorismo, che rappresentano una minaccia per la pace e la stabilità internazionali e garantiscono la cooperazione in materia di sicurezza a tale riguardo.

Di seguito è riportato il testo integrale della dichiarazione: Dichiarazione congiunta sull'avanzamento verso un partenariato strategico più completo tra gli Emirati arabi uniti e la Repubblica federale di Germania in occasione della visita in Germania di Sua Altezza Sheikh Mohamed bin Zayed Al Nahyan, Principe ereditario di Abu Dhabi, vice comandante supremo delle forze armate degli Emirati Arabi Uniti (12 giugno 2019) 1) La visita a Berlino di Sua Altezza Sheikh Mohamed bin Zayed Al Nahyan, Principe ereditario di Abu Dhabi, Vice Comandante Supremo delle Forze Armate, su invito del cancelliere federale Angela Merkel, che si svolge nell'Anno della tolleranza degli Emirati Arabi Uniti, riflette lo speciale legame di amicizia e forte collaborazione tra gli Emirati Arabi Uniti e la Repubblica Federale di Germania.

2) Negli ultimi 15 anni, entrambi i paesi sono stati uniti da un partenariato strategico che ha portato a stretti legami politici, sociali ed economici. Queste relazioni si basano sulla fiducia, sugli interessi comuni e sul desiderio di assicurare lo sviluppo e la prosperità continui delle nostre regioni. Questo desiderio si basa sulla comprensione che entrambi i paesi, in quanto partner forti, di successo e fiduciosi impegnati in un dialogo aperto ed equo, sono impegnati per la sicurezza, la stabilità e la prosperità delle rispettive regioni.

3) La cancelliera federale Angela Merkel e Sua Altezza Sheikh Mohammed bin Zayed Al Nahyan hanno tenuto colloqui approfonditi sull'attuale situazione della sicurezza nel Golfo, sulle questioni relative alla sicurezza regionale e sulla crescente cooperazione politica, economica, umanitaria e culturale tra i due paesi.

4) Basandosi sull'eredità condivisa dei legami bilaterali di vecchia data, entrambe le parti si impegnano a rafforzare il loro partenariato strategico, in occasione del 15 anniversario dell'accordo, lavorando per un partenariato strategico più globale. Questa partnership consentirà alla Repubblica federale di Germania e agli Emirati arabi uniti di esaminare ulteriori settori di interesse, anche nei settori di (I) Cooperazione politica (II) Affari economici, (III) Energia (IV) Assistenza umanitaria (V) Cultura (VI) Istruzione e (VII) Ambiente e cambiamenti climatici, al fine di aumentare le relazioni tra i nostri due paesi a questo nuovo livello.

I. Cooperazione politica 5) Gli EAU e la Germania hanno sottolineato il loro impegno a intensificare il dialogo politico e le consultazioni, e accolgono con favore i risultati positivi risultanti dalla nomina dei rispettivi inviati. Entrambe le parti hanno identificato l'importanza di tenere consultazioni politiche regolarmente. Entrambe le parti hanno sottolineato l'importanza di tenere queste consultazioni politiche a livello di alti funzionari e di aumentare la frequenza di tali consultazioni.

6) Entrambe le parti hanno riconosciuto la partecipazione congiunta a forum internazionali sulla sicurezza, come la Conferenza di Sicurezza di Munich, tenutasi dal 15 al 17 febbraio 2019 e il Forum di Sir Bani Yas che si terrà dal 15 al 17 novembre 2019 ad Abu Dhabi e in programma per ospitare il quinto round delle consultazioni politiche EAU-Germania.

7) Entrambe le parti hanno sottolineato l'importanza di intensificare le visite parlamentari. Nel 2018/2019 ci sono state diverse visite di membri del Parlamento tedesco agli Emirati Arabi Uniti che hanno mostrato il merito di fruttuose discussioni su questioni di reciproco interesse a livello parlamentare.

8) Entrambe le parti hanno anche ribadito il loro impegno congiunto nella lotta contro il terrorismo e l'estremismo violento, in tutte le sue forme, a livello sia regionale che internazionale. Considerano che il terrorismo e l'estremismo violento sono minacce all'ordine internazionale. Le due parti riaffermano il loro rifiuto inequivocabile di tutte le forme di terrorismo, che rappresentano una minaccia per la pace e la stabilità internazionali e garantiscono la cooperazione in materia di sicurezza a tale riguardo.

9) Le due parti concordano sugli sforzi di mobilitazione in materia di antiterrorismo, sullo scambio di esperienze e informazioni sulla lotta al terrorismo e sul rafforzamento della formazione individuale e del rafforzamento delle capacità a tale riguardo. A tal fine, entrambe le parti cercano di impegnarsi in una concreta cooperazione antiterrorismo.

10) Entrambi gli Stati sostengono la risoluzione ONU 2462 approvata all'unanimità, co-patrocinata dagli EAU e dalla Germania, che impone agli Stati membri di adottare ulteriori misure per prevenire e combattere il finanziamento del terrorismo e per ritenere responsabili gli sponsor del terrorismo.

11) Entrambe le parti hanno accolto con favore le numerose partnership cooperative esistenti tra i nostri due paesi nel settore della sicurezza, come i colloqui tra rappresentanti di entrambe le forze armate, che si svolgono ogni 18 mesi e si sono svolti l'ultima volta a Berlino nel marzo 2019. Desideriamo promuovere il nostro attuale dialogo bilaterale in questo settore.

12) Entrambe le parti hanno riconosciuto il loro ruolo nel svolgere un ruolo stabilizzante nelle rispettive regioni, insieme a contributi positivi agli affari globali. Particolare importanza è da attribuire al riguardo al multilateralismo, al diritto internazionale e all'ordine basato sulle regole, e alle istituzioni internazionali come mezzo per affrontare le sfide comuni e raggiungere una coesistenza pacifica.

13) Entrambe le parti hanno sottolineato l'importanza di dare la priorità al miglioramento dell'efficienza, dell'efficacia, della trasparenza, della responsabilità e della rappresentatività del sistema multilaterale e di operare verso istituzioni internazionali più rappresentative, incluso il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite.

14) Entrambe le parti hanno riaffermato il loro impegno a sostenere i principi della Carta delle Nazioni Unite e l'ordinamento internazionale basato sulle regole.

15) Entrambe le parti lavoreranno a tal fine attraverso consultazioni a livello di esperti e intendono istituire forum al fine di scambiare opinioni su questioni politiche chiave come lo Yemen, l'Iran, la Libia e il Sahel.

16) Per quanto riguarda lo Yemen, gli Emirati Arabi Uniti e la Germania incoraggiano fortemente una soluzione politica, tenendo conto dell'iniziativa del Consiglio di cooperazione del Golfo (CCG) e del suo meccanismo esecutivo, i risultati della Conferenza del dialogo nazionale yemenita e tutte le risoluzioni pertinenti delle Nazioni Unite Consiglio di sicurezza (UNSC), in particolare la risoluzione 2216 del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite che invita gli Houthi ad astenersi da qualsiasi provocazione o minaccia nei confronti degli Stati vicini.Sottolineano l'importanza dell'attuazione dell'accordo di Stoccolma conformemente alle risoluzioni 2451 e 2452 del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite e il loro impegno a tal fine. Entrambe le parti esprimono anche il loro inequivocabile sostegno agli sforzi in corso di Martin Griffiths, inviato speciale del Segretario generale delle Nazioni Unite in Yemen.

Entrambi i paesi sono tra i donatori più importanti per il popolo dello Yemen e si impegnano a fronteggiare efficacemente l'attuale situazione umanitaria. La Germania contribuisce alla Missione delle Nazioni Unite a sostenere l'accordo Hodeidah (UNMHA) con personale che include militari e polizia.

17) Per quanto riguarda l'Iran, sia gli Emirati Arabi Uniti che la Germania hanno espresso preoccupazione per le crescenti tensioni nella regione e invitano l'Iran a svolgere un ruolo costruttivo e ad astenersi da qualsiasi misura di scalata. La Germania ha espresso la posizione europea / E3 secondo cui il JCPoA è un risultato chiave dell'architettura globale di non proliferazione nucleare, che è nell'interesse della sicurezza di tutti.

18) Sia la Germania che gli Emirati Arabi Uniti hanno ribadito l'urgenza per tutti gli attori delle regioni di astenersi da qualsiasi azione che possa aggravare le tensioni esistenti. Gli EAU e la Germania ritengono inoltre che l'importanza del rispetto della sovranità e della non ingerenza negli affari interni sia essenziale per garantire la sicurezza e la stabilità regionali.

19) Per quanto riguarda la Libia, sia gli EAU che la Germania ritengono che non ci possa essere una soluzione militare al conflitto e che il quadro politico dell'Inviato delle Nazioni Unite Ghassan Salame rappresenti la migliore opzione per superare l'attuale crisi politica. Per questo un cessate il fuoco è essenziale. Prevenire un'escalation del conflitto è fondamentale per la stabilità della regione ed è una priorità per la comunità internazionale nel suo insieme. La lotta contro il terrorismo è anche una questione centrale per il futuro della Libia.

20) Sia gli Emirati Arabi Uniti che la Repubblica federale di Germania sono allineati sul fatto che la regione del Sahel deve affrontare complesse sfide politiche, economiche e ambientali, in particolare per quanto riguarda sicurezza, sviluppo, governance e cambiamenti climatici. Accogliamo con favore la continua determinazione degli Stati G5 del Sahel a unire i loro sforzi per affrontare l'impatto del terrorismo e della criminalità organizzata transnazionale nella regione del Sahel. La Repubblica federale di Germania e gli Emirati arabi uniti ritengono necessario rafforzare gli sforzi internazionali a sostegno della stabilizzazione a lungo termine della regione del Sahel, comprese le misure infrastrutturali.

21) Entrambe le parti sono pronte a sostenere congiuntamente il Niger nei settori della cooperazione economica, delle infrastrutture e della riforma del settore della sicurezza. Inoltre, entrambe le parti intendono sostenere ulteriormente lo sviluppo della Forza congiunta del G5 Sahel.

22) Sia la Repubblica federale di Germania che gli Emirati Arabi Uniti ritengono che il conflitto in Siria non possa essere risolto con mezzi militari. Entrambe le parti sostengono con forza gli sforzi dell'inviato speciale delle Nazioni Unite Geir Pedersen nel perseguire una soluzione politica alla crisi siriana e invitano tutte le parti interessate a sostenerlo.

III. Affari economici 23) Entrambi i paesi hanno sottolineato l'importanza di aumentare la cooperazione economica bilaterale, condividendo le migliori pratiche e gli indici di riferimento, nonché promuovendo il commercio, gli investimenti e le opportunità commerciali.

24) Gli EAU e la Germania hanno riconosciuto l'importanza di consultazioni economiche istituzionali e di alto livello, in particolare la Commissione economica congiunta, la cui undicesima riunione si è svolta a Berlino nel marzo 2019. Prendono inoltre atto dell'importanza del Consiglio congiunto per l'industria e il commercio (AHK) degli Emirati tedeschi, un'istituzione commerciale bilaterale che cerca di intensificare i legami economici tra i due paesi, nonché l'istituzione di un nuovo centro di consulenza privato per le imprese tedesche nel Zona "Dubai Multi Commodities Center (DMCC)" rappresentata anche a Dusseldorf nel settembre 2018.

25) Entrambe le parti hanno ribadito la loro volontà di incoraggiare gli scambi di imprese tra le piccole e medie imprese dei due paesi, attraverso il sostegno fornito dagli incentivi delle Free-Zones degli EAU e la piattaforma di sostegno alle imprese Overseas delle PMI con sede a Dubai. Entrambi i paesi mirano a sostenere le imprese, in particolare le PMI, nell'accesso al reciproco mercato avvalendosi dei nostri strumenti di politica economica estera.

26) Tra le aree che entrambi i paesi guardano allo sviluppo ulteriore, lo sviluppo di settori quali l'aviazione, l'esplorazione spaziale, il turismo, l'istruzione, i trasporti, l'informatica, l'energia (tradizionale e rinnovabile) e l'assistenza sanitaria sono in corso e importanti.

27) Entrambe le parti hanno ribadito la volontà di rinvigorire la cooperazione nel settore dell'aviazione, che consente a oltre 600.000 turisti tra i due paesi e l'acquisto di centinaia di aeromobili da produttori con una presenza in Germania come Airbus.

28) Parallelamente, lo sviluppo di nuove aree di cooperazione in quella che viene definita la "quarta rivoluzione industriale" per includere il cyberspazio e la cooperazione tra sistemi preparerà il terreno per le relazioni economiche in futuro. Entrambe le parti riconoscono le opportunità di impegno in uno scambio bilaterale di approcci politici riguardanti le rispettive strategie di Intelligenza Artificiale (AI) tra cui la UAE Strategy for AI per gli EAU nell'ottobre 2017 e la Strategia AI per la Germania del novembre 2018. Entrambi i paesi mirano a collaborare per condividere le migliori pratiche in questo campo. Inoltre, entrambi i paesi intendono sostenere la cooperazione tra aziende e istituti di ricerca.

29) Emirati Arabi Uniti e Germania condividono l'idea che la digitalizzazione e il collegamento dei processi produttivi lungo l'intera catena del valore globale via Internet offrano un grande potenziale economico per le economie di entrambi i paesi. Entrambi i paesi sottolineano l'importanza di migliorare la loro cooperazione bilaterale tra le imprese e tra le aziende e gli istituti di ricerca di entrambi i paesi nelle moderne applicazioni tecnologiche e impiegandole nel raggiungimento di uno sviluppo sostenibile.

30) Il sostegno a tutti i settori, la cooperazione nello sviluppo del capitale umano attraverso le istituzioni esistenti e il partenariato pubblico-privato sono importanti per realizzare sinergie e interconnessioni a sostegno dei futuri legami economici.

31) Entrambe le parti hanno ribadito l'importanza multisettoriale dell'esplorazione spaziale e della cooperazione nel campo dell'esplorazione spaziale esemplificata dalla firma di un memorandum d'intesa del novembre 2017 tra l'Agenzia spaziale degli Emirati Arabi Uniti e il Centro aerospaziale tedesco per collaborare allo scambio di informazioni e competenze nei settori di scienza spaziale, ricerca, tecnologia e regolamentazione.

32) Inoltre, sotto gli auspici del ministero federale tedesco per gli affari economici e l'energia, la Germania sarà significativamente coinvolta nell'EXPO 2020 a Dubai. La Repubblica federale di Germania sarà rappresentata con un padiglione innovativo e lungimirante, intitolato "CAMPUS GERMANY". Expo 2020 sarà un'occasione per evidenziare la cooperazione tra gli emirati tedeschi e la costruzione di un futuro prospero e sostenibile per il mondo.

III. Energia 33) Entrambi i paesi sono impegnati ad ampliare la loro cooperazione nel settore energetico, con particolare attenzione alle energie rinnovabili e all'efficienza energetica, ma anche a fonti convenzionali, nel settore del petrolio e del gas attraverso l'intera catena del valore, coprendo l'upstream, middle-stream e a valle.

34) Entrambi i paesi hanno rinnovato il loro impegno per il partenariato energetico tra Emirati e Germania, concluso nel 2017 per intensificare il nostro dialogo nel settore delle energie rinnovabili e dell'efficienza energetica. Entrambi i paesi sono impegnati a sviluppare ulteriormente le energie rinnovabili e ad aumentare l'efficienza energetica al fine di raggiungere gli obiettivi degli accordi di Parigi e di cogliere i vantaggi socioeconomici delle energie rinnovabili. Entrambi i paesi sostengono una transizione energetica globale e cooperano anche nell'ambito di IRENA, con sede ad Abu Dhabi e con il suo Centro di innovazione e tecnologia a Bonn, dove è stato concepito ufficialmente nel 2009.

35) La cooperazione energetica tra i due paesi è stata ulteriormente rafforzata nel 2018 quando per la prima volta una compagnia petrolifera e del gas tedesca, Wintershall è stata aggiudicata una quota (10%) in un'area di concessione di Abu Dhabi composta da Hail, Ghasha, Dalma e altri giacimenti di gas acido offshore.

36) Inoltre, in un impegno costante per la joint venture decennale tra ADNOC e il gruppo tedesco Linde, è stato firmato un memorandum d'intesa per esplorare l'espansione della loro cooperazione. Ulteriori passaggi sono pianificati mentre le due società crescono insieme per soddisfare la domanda prevista di gas industriali per le attività downstream di ADNOC a Ruwais, come parte della strategia di crescita intelligente 2030.

IV. Assistenza umanitaria 37) La Repubblica Federale di Germania e gli Emirati Arabi Uniti condividono un forte impegno nel fornire assistenza umanitaria alle persone bisognose in tutto il mondo.

38) Alla luce dei bisogni umanitari sempre crescenti e basati sul diritto internazionale umanitario e sui principi umanitari, entrambi i paesi esploreranno i modi per intensificare la cooperazione e il dialogo bilaterale umanitario.

39) Entrambe le parti si impegnano a lavorare per un migliore accesso umanitario e la fornitura di servizi umanitari. Sottolineano la responsabilità della comunità internazionale di assicurare che l'assistenza umanitaria di principio raggiunga i più bisognosi.

V. Cultura 40) Alla luce della loro continua spinta ad accrescere la reciproca comprensione tra le loro due culture, la Repubblica federale di Germania e gli Emirati Arabi Uniti sono desiderosi di continuare a rafforzare l'impegno culturale bilaterale tra le rispettive società.

41) Entrambi i paesi intendono ampliare la loro cooperazione culturale, promuovendo in tal modo valori condivisi di tolleranza, coesistenza e accettazione. Entrambi i paesi intendono esaminare le possibilità di cooperazione nel campo della conservazione culturale internazionale.

42) Entrambe le parti hanno confermato la loro volontà di rafforzare la cooperazione culturale, in particolare attraverso una politica attiva a favore di musei e mostre, condurre il dialogo sulle politiche culturali e cercare di creare spazi aperti per lo scambio culturale, anche nel settore delle industrie creative.

43) Sia la Germania che gli Emirati Arabi Uniti concordano sul fatto che l'intolleranza è una delle cause principali del terrorismo e dell'estremismo violento e rileva l'importanza di intensificare gli sforzi a tale riguardo. A tal fine, l'Ambasciata degli Emirati Arabi Uniti a Berlino, in collaborazione con la Nunziatura Apostolica in Germania, ha organizzato una funzione culturale il 23 febbraio 2019, osservando la dichiarazione del 2019 come "Anno della tolleranza" e la storica visita di Papa Francesco agli Emirati Arabi Uniti. La funzione culturale sostiene il dialogo interreligioso, non solo tra musulmani e cristiani, ma anche tra est e ovest per accelerare lo scambio culturale tra i seguaci di tutte le religioni. In questo contesto, gli EAU e la Germania riconoscono che la tolleranza, la coesistenza pacifica, l'accettazione degli altri e il pluralismo culturale e la diversità sono valori globali per eccellenza.

44) La Repubblica federale di Germania è stata lieta di ricevere un invito ad essere Ospite d'onore alla Fiera internazionale del libro di Abu Dhabi del 2021, che offrirà l'opportunità di impegnarsi in uno scambio interattivo con la cultura degli Emirati Arabi Uniti. La Germania attende con impazienza la firma del rispettivo Memorandum d'intesa durante la Fiera del Libro di Francoforte 2019.

VI. Istruzione e ricerca 45) Entrambe le parti sottolineano l'importanza della cooperazione continua nel campo dell'istruzione e della ricerca attraverso il sostegno di istituzioni e università, nonché lo scambio di studenti e l'attrazione di studenti internazionali.

VII. Ambiente e cambiamenti climatici 46) Entrambi i paesi ribadiscono il loro impegno ad affrontare e mitigare le sfide globali poste dai cambiamenti climatici, guidate dall'attuazione dell'Accordo di Parigi, nonché la loro transizione verso l'utilizzo di fonti di energia a basse emissioni di carbonio e adoperarsi per sviluppare economie verdi. Entrambe le parti si impegnano ad aumentare la cooperazione sul fronte ambientale, in particolare per quanto riguarda la cooperazione triangolare con i paesi terzi.

Tradotto da: Hussein Abuel Ela.

http://wam.ae/en/details/1395302767437

WAM/Italian