Sharjah: estendere la cultura araba al mondo


SHARJAH, 16 giugno 2019 (WAM) - L'Emirato di Sharjah è stato testimone di un numero significativo di risultati nel 2019, tra cui la sua crescente e vivace scena culturale che riunisce artisti emiratini e arabi, attori, grandi letterati e poeti.

Gli sforzi di Sharjah per sostenere l'abilità culturale del mondo arabo non sono legati a una specifica posizione geografica ma abbracciano diverse aree per costruire ponti di comunicazione e comprensione, come arma chiave contro l'ignoranza e l'estremismo.

Le conquiste culturali dell'emirato si sono estese oltre i confini degli Emirati Arabi Uniti e della regione e hanno raggiunto il resto del mondo, grazie agli sforzi, in oltre quattro decenni, di Sua Altezza Dott. Sheikh Sultan bin Mohammed Al Qasimi, Membro del Consiglio Supremo e Sovrano di Sharjah.

In qualità di Capitale del Libro Mondiale 2019, Sharjah ha partecipato come ospite d'onore ai festival del libro di Nuova Delhi e Toronto e si unirà come ospite d'onore alla Fiera del Libro di Londra nel 2020.

Nel maggio 2019, Sharjah ha riunito rinomati scrittori degli Emirati per mettere in mostra il patrimonio letterario degli Emirati Arabi Uniti durante la prima Fiera del Libro degli Emirati. Organizzata dalla Autorità del Libro di Sharjah, in collaborazione con l'Unione degli Scrittori degli Emirati, la Fiera del Libro degli Emirati, ha visto la partecipazione di 25 case editrici degli Emirati Arabi Uniti, oltre a numerosi scrittori, autori e talenti degli Emirati. La fiera è stata un'occasione per documentare la moderna letteratura degli Emirati e promuovere le biografie dei Padri Fondatori. Il patrocinio della Fiera del Dott. Sheikh Sultan ha sostenuto il settore editoriale del paese.

A margine della Fiera, il Museo degli Scrittori degli Emirati, istituito in collaborazione con il Centro per la Cultura e il Patrimonio di Juma Al Majid, ha presentato una rara collezione di libri e poesie e ha evidenziato le opere di famosi scrittori degli Emirati, come Al Majdi bin Dhaher, Hamid Al Shamsi e Salem Al Owais. I loro manoscritti e penne, considerati tesori nazionali degli Emirati Arabi Uniti, sono stati esposti al museo.

L'emirato ha lanciato a giugno un programma di scrittura creativa che cerca di sostenere ulteriormente i giovani talenti degli Emirati nella scrittura, nella poesia e nel teatro. Ha inoltre ospitato il 17esimo Festival di Sharjah per la poesia araba, il Festival delle arti islamiche e il Festival della poesia del folclore, come parte dei suoi continui sforzi per coltivare mentalità consapevoli e culturalmente ricchi.

Il pubblico in generale ha adottato la passione per la cultura di Sharjah con la maggior parte degli eventi culturali ospitati dall'emirato che hanno visto una partecipazione considerevole. Tra questi c'è "Souq Al Shanasiyah", uno dei mercati più antichi della regione, situato nel centro della città di Sharjah, che ospita fiere itineranti e spettacoli folcloristici internazionali e locali.

Un'altra impresa raggiunta è stata quando il Dott. Sheikh Sultan ha ricevuto una medaglia d'oro dall'Organizzazione internazionale per l'arte popolare, IOV World, in riconoscimento dei suoi sforzi per sostenere la cultura, l'arte e il patrimonio in tutto il mondo e per apprezzare il suo ruolo nel sostenere le organizzazioni di cultura globale, nonché per la creazione di patrimoni internazionali e centri culturali.

La statura culturale di Sharjah ha contribuito positivamente alla posizione culturale globale degli Emirati Arabi Uniti e ha rafforzato la reputazione della cultura e del patrimonio arabo tra individui e intellettuali di tutto il mondo.

Durante la partecipazione ai festival del libro di Nuova Delhi e Toronto, Sharjah ha presentato cultura, letteratura e arte araba a un pubblico nuovo e diversificato. Questa partecipazione ha portato alla traduzione di opere letterarie in lingua araba in altre lingue, espandendo ulteriormente la destrezza culturale della regione in diverse nazioni all'estero.

Dall'inizio dell'anno, Sharjah ha organizzato una serie diversificata di eventi culturali e mostre, tra cui Giorni Patrimoniali di Sharjah, e il 17 Festival di Poesia Araba Sharjah, e il 15 Festival della poesia del folclore, organizzato dal Dipartimento di Cultura e dal Centro di Poesia del Folklore di Sharjah, a cui hanno partecipato 60 poeti di 17 paesi arabi.

Un altro evento, il Festival della cultura e della gente di Sharjah, si è svolto ad aprile, sotto il patrocinio di Sua Altezza Sheikha Jawaher Bint Mohammed Al Qasimi, presidente del Consiglio supremo per gli affari familiari e moglie del dott. Sheikh Sultan. Il festival ha visto 25 attività ed eventi legati a patrimonio, salute, sport, poesia, libri, concorsi culturali, scrittura, musica e cucina. Una mostra fotografica, intitolata "Tolleranza", si è svolta a margine dell'evento, con l'intento di promuovere tolleranza, accettazione e apertura attraverso immagini vivide.

La vibrante scena culturale di Sharjah ha ricevuto una fanfara positiva, sostenuta dalla crescente interazione e partecipazione dei membri della comunità e dei visitatori durante le fiere e le mostre ospitate dall'emirato. Una promettente prospettiva è l'accresciuto impegno dei giovani, mettendo in evidenza gli obiettivi centrali degli sforzi di costruzione culturale e della conoscenza di Sharjah per creare solide fondamenta per le generazioni future.

Tradotto da: Hussein Abuel Ela.

http://wam.ae/en/details/1395302767991

WAM/Italian