Il contributo degli Emirati Arabi Uniti al settore sanitario yemenita è stato significativo: relazione della Mezzaluna Rossa degli Emirati

  • تقرير/الإمارات تدعم القطاع الصحي في اليمن .. منشآت طبية وحملات ضد الأوبئة
  • تقرير/الإمارات تدعم القطاع الصحي في اليمن .. منشآت طبية وحملات ضد الأوبئة
  • تقرير/الإمارات تدعم القطاع الصحي في اليمن .. منشآت طبية وحملات ضد الأوبئة
  • تقرير/الإمارات تدعم القطاع الصحي في اليمن .. منشآت طبية وحملات ضد الأوبئة
video imaggini

ABU DHABI, 11 luglio 2019 (WAM) - Il contributo degli Emirati Arabi Uniti al settore sanitario dello Yemen, dall'inizio dell'anno, è stato significativo e tangibile, la Mezzaluna Rossa degli Emirati ha affermato nel suo ultimo rapporto, mettendo in evidenza progetti sanitari, programmi e iniziative lanciati durante l’Anno della tolleranza".

Il contributo comprendeva il ripristino di ospedali e centri sanitari, il lancio di programmi per combattere malattie ed epidemie, la formazione del personale medico e il costo del trattamento di pazienti al di fuori dello Yemen, secondo il rapporto di metà anno della Mezzaluna Rossa degli Emirati.

L’Anno della tolleranza è iniziato con l'arrivo di una spedizione di medicinali del peso di 25 tonnellate nel porto di Aden, che sono stati distribuiti ai centri sanitari sulla costa del Mar Rosso, nonché il lancio della clinica medica dell'Economia e della scienza politica.

Gli Emirati Arabi Uniti hanno ripristinato, dall'inizio del 2019, 23 ospedali e centri sanitari nei governatorati liberati dello Yemen, tra cui sei ospedali a Taiz e Hadramaut, 11 centri sanitari sulla costa del Mar Rosso e Hadramaut, due unità specializzate ad Aden e Socotra e quattro cliniche sulla costa del Mar Rosso e Aden.

In termini di operazioni sanitarie, gli Emirati Arabi Uniti hanno fornito le forniture mediche necessarie e le attrezzature mediche, compresi nove contenitori di medicinali essenziali consegnati al Ministero della Sanità e della Popolazione dello Yemen.

Il rapporto afferma che questi sforzi umanitari sono una realizzazione del messaggio e dell'atteggiamento umanitario degli Emirati Arabi verso il popolo yemenita e hanno contribuito a ripristinare il settore medico dello Yemen, che ha subito la distruzione sistematica delle milizie Houthi sostenute dall'Iran.

Gli EAU hanno sostenuto 200 casi umanitari e 300 persone ferite dalle milizie Houthi e hanno donato nove contenitori di medicinali al Ministero della Salute yemenita, il che ha alleviato la sofferenza di migliaia di yemeniti.

Sulla costa del Mar Rosso, gli Emirati Arabi hanno lanciato sette centri medici, tra cui il Centro Al Matina di Al Tahita e un centro sanitario ad Al Shujaira.

Gli Emirati Arabi Uniti hanno anche fornito medicinali e forniture mediche a dieci centri medici e hanno pagato gli stipendi del personale medico. A Shabwa, gli Emirati Arabi Uniti hanno anche inaugurato una clinica mobile per combattere la febbre dengue, accompagnata da una campagna di spruzzo preventiva in Merkhah come Sufla.

A Socotra sono stati avviati i reparti di emergenza e operazioni dell'ospedale Khalifa bin Zayed Al Nahyan.

Gli Emirati Arabi Uniti hanno sostenuto le spese di cura di centinaia di feriti yemeniti negli Emirati Arabi, in Egitto, Sudan, India e Giordania.

Durante la prima metà dell'anno, gli EAU hanno inviato a proprie spese tre gruppi di pazienti yemeniti, compresi casi critici, per cure al di fuori dello Yemen. 62 pazienti si sono recati in India a marzo per il trattamento, seguiti poi da altri 24 pazienti a giugno. Un terzo gruppo di pazienti è stato anche trasportato in aereo in Egitto per cure mediche nell'ambito di un protocollo di cooperazione sanitaria.

Finora, il numero di pazienti yemeniti che hanno ricevuto cure all'estero, ha raggiunto 11.000.

Il rapporto ha aggiunto che gli Emirati Arabi Uniti hanno cooperato con l'Organizzazione Mondiale della Sanità, l'OMS, nel primo trimestre dell'anno, fornendo servizi di emergenza per la salute riproduttiva a circa due milioni di donne yemenite. La Mezzaluna Rossa degli Emirati ha inoltre coordinato con l'organismo sanitario delle Nazioni Unite per riaprire 25 strutture di assistenza sanitaria per gli sfollati interni, aiutando circa 50.000 persone.

Tradotto da: G. Mohamed.

http://wam.ae/en/details/1395302773403

WAM/Italian