Relazione WAM: l'Arabia Saudita offre servizi a cinque stelle ai pellegrini


ABU DHABI, 3 agosto 2019 (WAM) - Ogni stagione dell'Hajj, il Regno dell'Arabia Saudita, KSA, dedica enormi risorse finanziarie e umane per garantire che i pellegrini godano di servizi a cinque stelle che consentano loro di eseguire il rituale dell'hajj in modo sicuro e confortevole. Hajj è il quinto pilastro dell'Islam e la manifestazione più significativa della fede islamica.

L'Arabia Saudita considera un servizio agli ospiti di Allah l'Onnipotente un onore, e allinea una vasta forza lavoro e risorse finanziarie alla corretta condotta del pellegrinaggio. Sin dai tempi del padre fondatore della KSA, il re Abdul Aziz Al Saud, ha speso miliardi di dollari per espandere la Moschea Sacra alla Mecca e la Moschea del Profeta a Madina, oltre a stabilire moderni aeroporti, porti marittimi, strade, residenze, comunicazioni, ospedali e altri servizi e servizi di sicurezza per la comodità dei pellegrini.

Le autorità hajj hanno annunciato di aver completato i preparativi per accogliere i pellegrini, offrire loro servizi di livello mondiale e rendere il loro viaggio nelle terre sante comodo, sicuro e di successo.

Le agenzie di sicurezza hanno annunciato di essere pronte ad accogliere i pellegrini attraverso i punti di ingresso aereo, marittimo e terrestre.

La direzione generale della Protezione civile ha annunciato che oltre 33 dipartimenti governativi e case di consulenza sono stati coinvolti nei piani di emergenza hajj di quest'anno per garantire i più alti standard di sicurezza e protezione dei pellegrini.

Ha preparato oltre 17.000 forti membri del personale della protezione civile, supportati da 1.500 volontari. Più di 5.000 telecamere nei santuari sacri forniscono alle agenzie di sicurezza una copertura generale per gestire folle di pellegrini per evitare incidenti.

Per quanto riguarda la salute, le autorità saudite hanno posto centinaia di ospedali e cliniche al servizio dei pellegrini. Il ministero della salute saudita ha affermato che all'interno del santuario sacro della Mecca sono stati preparati quattro centri sanitari completamente equipaggiati e attrezzati. Per i casi di emergenza, i preparativi includevano anche 180 ambulanze e sei eliporti.

Il Ministero di Hajj e Umrah ha lanciato un'app di traduzione per i pellegrini non arabi per ottenere informazioni e linee guida relative a Hajj per eseguire i loro riti religiosi con facilità e conforto. È stata inoltre resa disponibile per i pellegrini un'altra app di mappe digitali per siti santi.

L'istituzione di queste strutture di per sé non garantisce un Hajj di successo. Per fare ciò, il Regno ha messo in atto una vasta organizzazione sotto la supervisione del Comitato Supremo Hajj, che riferisce al Custode delle due Sacre Moschee, il re Fahd Ibn Abdul Aziz, che tradizionalmente si trova alla Mecca durante il pellegrinaggio.

Il comitato cerca di coordinare le attività di vari ministeri e agenzie governative e prevenire la ridondanza.

Ognuna di queste organizzazioni si assume la responsabilità dei progetti nella sua sfera di competenza. Ad esempio, il Ministero degli affari islamici, delle dotazioni, delle chiamate e dell'orientamento pubblica opuscoli speciali sui riti dell'Hajj in molte lingue da distribuire tra i pellegrini.

Il Ministero della Salute sovrintende ai servizi medici mentre il Ministero dell'Informazione ospita giornalisti e membri dei media di altri paesi per coprire il pellegrinaggio, organizzando allo stesso tempo trasmissioni in diretta dei riti via satellite in tutto il mondo.

Tradotto da: G. Mohamed.

http://www.wam.ae/en/details/1395302778480

WAM/Italian