lunedì 21 settembre 2020 - 5:10:48 mattina

Mohammed bin Rashid lancia il Distretto di Dubai Future e un fondo da 1 miliardo di dollari per guidare la nuova economia


DUBAI, 14 gennaio 2020 (WAM) - Sua Altezza lo sceicco Mohammed bin Rashid Al Maktoum, Vice Presidente, Primo Ministro e Sovrano di Dubai, ha annunciato oggi durante la seconda riunione del Consiglio di Dubai che un nuovo distretto sotto il nome di "Dubai Future", un distretto dedicato alla nuova economia, prenderà forma a Dubai.

Il Distretto Dubai Future vedrà il Dubai World Trade Center, DWTC, le Torri Emirates e il Centro Finanziario Internazionale di Dubai, DIFC, collegati direttamente tramite un ponte, rendendolo il più grande distretto del Medio Oriente dedicato allo sviluppo della nuova economia.

Sua Altezza ha anche annunciato il lancio di un fondo di 1 miliardo di AED per sostenere le aziende della nuova economia che opereranno fuori dal Distretto Dubai Future e che hanno il potenziale e la lungimiranza per guidare la nuova economia di Dubai e contribuire a migliorare la posizione dell'emirato come destinazione preferita per talenti e imprenditori a livello globale, attraverso molte iniziative e progetti volti a trasformare Dubai in un nesso per le imprese e un ambiente di investimento integrato che offre strutture eccezionali.

Il nuovo distretto, insieme al nuovo fondo, forniranno finanziamenti e strumenti legislativi e opzioni senza precedenti per le imprese.

Sua Altezza ha inoltre annunciato un nuovo target di 2 trilioni di AED per il volume del commercio estero di Dubai entro il 2025, che sarà supportato dalla creazione di 50 uffici in tutto il mondo, ciascuno con il compito di promuovere le offerte senza pari di commercio, turismo e investimenti di Dubai, nonché di intensificare e unificare gli esterni sforzi di marketing.

Mentre presiedeva la seconda riunione del Consiglio di Dubai, lo sceicco Mohammed bin Rashid ha dichiarato: "Dubai diventerà la capitale mondiale della nuova economia. Quest’ultima sarà al centro dell'attenzione nell'agenda dei 50 obiettivi che cerchiamo di raggiungere nei prossimi cinque anni. Il Consiglio di Dubai si concentrerà sull'apertura di nuovi settori economici per l'emirato e trasformerà i suoi settori esistenti ".

Sua Altezza ha aggiunto: "Puntiamo a un grande cambiamento nel commercio estero di Dubai attraverso la stimolazione e la rivitalizzazione con lo sviluppo continuo di tutti i suoi strumenti logistici, legislativi e di servizio, oltre alla costruzione di nuove partnership internazionali".

"I nuovi uffici di Dubai per il commercio e la promozione turistica ci saranno in tutto il mondo e l'unificazione degli sforzi esterni porterà risultati migliori all’economia di Dubai", ha spiegato lo sceicco Mohammed bin Rashid, aggiungendo, "Ho chiesto di inviare i messaggi a tutti i direttori di dipartimenti pubblici e personaggi pubblici dell'emirato, al fine di inviarmi le inviarmi direttamente proposte di sviluppo per realizzare trasformazioni positive nel nostro percorso ".

Sua Altezza ha affermato: "Il 2020 sarà l'inizio di un enorme salto di sviluppo, ed è l'anno che ci porterà al prossimo decennio con piena forza".

Le indicazioni del Sovrano di Dubai includevano la definizione di un nuovo obiettivo per aumentare il volume del commercio estero non petrolifero a 2 trilioni di AED nei prossimi cinque anni. Sua Altezza ha assegnato a Sultan Ahmed bin Sulayem, Presidente del Gruppo e CEO di DP World, la responsabilità di gestire questo file aprendo nuovi mercati esteri per l'emirato, sviluppando il sistema logistico e migliorando la competitività delle esportazioni locali. Ciò avverrà formando un comitato per gestire queste responsabilità e raggiungere gli obiettivi desiderati tramite tutti i metodi promozionali.

Il comitato ha il compito di presentare un piano entro 30 giorni dalla sua istituzione per esplorare le possibilità di aprire nuovi mercati per il commercio estero di Dubai, stabilire partenariati strategici internazionali, migliorare la competitività delle esportazioni locali, creare nuovi settori di esportazione, sviluppare il sistema logistico a Dubai e potenziare le capacità delle compagnie marittime internazionali gestite dall'emirato.

Durante la riunione del Consiglio di Dubai, Sua Altezza ha affermato che gli sforzi promozionali e di marketing esteri di Dubai nei settori del commercio, del turismo e degli investimenti dovrebbero unificarsi istituendo 50 uffici in tutto il mondo per promuovere Dubai nei settori commerciale, turistico e degli investimenti.

Questi uffici forniranno centri unificati per servire investitori globali, innovatori, commercianti, turisti e talenti. Lavoreranno anche per migliorare la presenza internazionale di Dubai, ridurre i costi operativi esteri, raddoppiare gli sforzi promozionali globali, aumentare le esportazioni di beni, servizi, conoscenze, cultura e creatività di Dubai, aumentare le entrate turistiche, d’investimento, finanziarie e di conoscenza dell'emirato e attrarre talenti e studenti.

L'iniziativa del Distretto di Dubai Future funge da ombrello per molti progetti congiunti che saranno lanciati in linea con il documento del 4 gennaio 2020 annunciato da Sua Altezza lo sceicco Mohammed bin Rashid Al Maktoum, nel quale si è impegnato a continuare a lavorare allo sviluppo dell’emirato, accogliendo talenti nazionali e internazionali, costruendo nuove partnership che creano opportunità di lavoro e forniscono finanziamenti a imprenditori e start-up e adottando iniziative che facilitano la creazione di nuove aziende e il lancio di idee innovative per progettare l'economia del futuro.

Ten initiatives will be launched in the coming period to support the economy of the future by providing an attractive investment, technological, legislative, service and enabling environment that is the best of its kind in the region and globally.

Dieci iniziative saranno lanciate nel prossimo periodo per sostenere l'economia del futuro, fornendo un investimento interessante, tecnologico, legislativo, di servizio e un ambiente favorevole che sia il migliore nel suo genere nella regione e nel mondo.

La prima iniziativa è il Fondo Economico del Futuro di Dubai, un fondo da 1 miliardo di AED dedicato agli imprenditori della futura economia a Dubai e nella regione, fornendo tutti i tipi di supporto e strutture necessari alle start-up tecnologiche nelle loro fasi iniziali.

Il fondo mira a rafforzare la posizione di Dubai come destinazione preferita per la creazione di società dell'economia futura, aumentare il contributo delle società della nuova economia al PIL, creare opportunità di lavoro e sostenere il settore privato e gli investimenti esteri nelle società dell'economia futura di Dubai.

Office of Future Economy Companies è la seconda iniziativa, in cui verrà istituito un ufficio per le società di economia futura che avrà il compito di rilasciare visti speciali di residenza di cinque anni a futuri imprenditori. Rilascerà inoltre licenze per progetti innovativi, fornirà servizi bancari agli imprenditori dell'economia futura, offrirà servizi legali di classe mondiale agli imprenditori e fornirà spazi di lavoro flessibili, servizi di formazione e seminari.

La terza iniziativa è costituita dalle licenze legislative per innovare e sperimentare le tecnologie dell'economia futura. Nell'ambito di questa iniziativa, i futuri imprenditori economici saranno in grado di ottenere licenze legislative per testare le loro innovazioni in aree designate che fungeranno da aree pilota, attraverso il Laboratorio legislativo e il Distretto 2071. Queste aree pilota contribuiranno a sostenere l'economia dell'emirato di Dubai.

Esempi di aree pilota per l'innovazione includono un'area autonoma di prova per auto, un'area di prova per droni per uso civile, un'area di prova per l'intelligenza artificiale negli ospedali e un'area di sperimentazione di realtà virtuale nei centri commerciali.

Il quarto della lista è la riduzione dei prezzi delle case per i pionieri dell'economia futura. Nell'ambito di questa iniziativa, gli imprenditori in economia futura possono sfruttare le opzioni di alloggio disponibili a un prezzo unitario inferiore a 3.000 dirham al mese. A tal fine, il Distretto 2071 collaborerà con gli sviluppatori immobiliari per fornire opzioni abitative con il prezzo previsto.

Mentre la quinta iniziativa vedrà una piattaforma unificata per finanziare e consultare gli imprenditori dell'economia futura. Attraverso questa iniziativa, lo spazio verrà assegnato all'interno del Distretto 2071 come piattaforma unificata per molti imprenditori, esperti e investitori nell'economia futura, in modo che le società dell'economia futura possano ottenere i finanziamenti e le consultazioni necessarie per avviare ed espandere le loro attività attraverso questa piattaforma.

Un nuovo scambio per le società dell'economia futura è la sesta iniziativa. Sotto l'egida di DIFC, una borsa assegnata alle società dell'economia futura consentirà loro di ottenere finanziamenti e capitali in un sistema più flessibile.

Al fine di ottenere finanziamenti e ridurre l'onere delle procedure iniziali di offerta pubblica, lo scambio mira a fornire l'infrastruttura necessaria per le società dell'economia futura, a motivare gli investitori e il trading delle loro azioni, facilitando nel contempo le modalità di vendita delle loro quote di investimento.

La settima iniziativa vedrà la formazione dello spazio più ampio per gli incubatori e gli acceleratori delle società dell'economia futura. Questo spazio sarà il più grande incubatore nel suo genere nella regione MENA per assistere le aziende dell'economia futura nelle loro fasi iniziali di fondazione, fornendo formazione sull'innovazione e sviluppando prototipi, oltre a fornire l'opportunità di beneficiare della rete di partner e strutture disponibili.

Il Centro per Le Ricerche dell’Economia del Futuro - l'ottava iniziativa - contribuirà alla progettazione della ricerca applicata attraverso numerosi laboratori specializzati (nel campo della robotica, dell'intelligenza artificiale, ecc.) In modo che il centro formi una piattaforma per la ricerca scientifica e la cooperazione congiunta con settori governativi e privati.

Sotto l'egida dei centri, esempi di laboratori specializzati sono il Lab del Sistema Robot, che mira a supportare e unificare gli sforzi delle principali entità nello sviluppo dell'informatica e della robotica per i settori governativo e privato.

La nona iniziativa vedrà laurearsi compagnie di economia futura provenienti da università nazionali. Un programma volto a consolidare la cultura dell'imprenditorialità e incoraggiare gli studenti delle università pubbliche e private nel Paese, a stabilire società economiche, in modo che gli studenti nella fase di accelerazione possano lavorare per trasformare le loro idee innovative in società dell'economia futura.

Il programma fornirà numerosi servizi a supporto di studenti innovativi, tra cui l'assegnazione di spazi di lavoro, il tutoraggio e l'orientamento, la fornitura di materiale didattico e la possibilità di ottenere sovvenzioni e finanziamenti da enti pubblici e privati.

Infine, le conferenze internazionali sull'economia e le aziende del futuro vedranno il Distretto di Dubai Future ospitare i più grandi e importanti eventi e conferenze internazionali che cercano di fornire piattaforme globali per i futuri leader dell'economia per comunicare, esplorare le prospettive di crescita e presentare i loro progetti a un pubblico più vasto.

Il progetto Dubai Future District comprende tre aree di spicco a Dubai: il Globale Centro Commerciale di Dubai, le Torri Emirates e il Centro Finanziario Internazionale di Dubai, che hanno contribuito sin dalla loro istituzione a raggiungere grandi successi nell'economia di Dubai e degli Emirati Arabi Uniti. Queste aree saranno collegate attraverso un ponte ispirato al Museo del Futuro.

L'integrazione del Globale Centro Commerciale di Dubai, Torri Emirates e il Centro Finanziario Internazionale di Dubai renderà il Distretto di Dubai Future la più grande area di innovazione del mondo, consolidando così la leadership di Dubai come il più grande centro economico della regione e offrendo maggiori opportunità di successo agli imprenditori che sono in cerca di crescita ed espansione nei mercati del Medio Oriente, Asia e Africa.

Tradotto da: G.Mohammed.

http://wam.ae/en/details/1395302816140

WAM/Italian