SCCI, JETRO Dubai tengono il forum commerciale Sharjah-Giappone

  • ملتقى الأعمال بين الشارقة واليابان يستشرف الفرص الاستثمارية بين الجانبين
  • ملتقى الأعمال بين الشارقة واليابان يستشرف الفرص الاستثمارية بين الجانبين
  • ملتقى الأعمال بين الشارقة واليابان يستشرف الفرص الاستثمارية بين الجانبين

SHARJAH, 3 febbraio 2020 (WAM) - La Camera di commercio e industria della Sharjah, SCCI, in collaborazione con l'Organizzazione del commercio estero giapponese a Dubai, JETRO Dubai, ha organizzato oggi il Forum d'Affari di Sharjah - Giappone, al fine di esplorare le opportunità di investimento tra le comunità imprenditoriali di entrambi i paesi, aprendo nuovi orizzonti di partenariato e sviluppando relazioni economiche, commerciali e culturali di lunga data tra Sharjah e il Giappone.

Tenutosi presso la sede di SCCI, all'evento hanno partecipato Abdullah Sultan Al Owais, presidente di SCCI, Waleed AbdelRahman BuKhatir, secondo vicepresidente di SCCI, alcuni consigli di amministrazione, Mohammad Ahmed Amin Al-Awadi, direttore generale di SCCI, Masami Ando, amministratore delegato di JETRO Dubai, Abdul Aziz Shattaf, vicedirettore generale SCCI, settore servizi membri e direttore del centro di sviluppo delle esportazioni di Sharjah, Elie Jamil Armaly, direttore dello sviluppo commerciale presso l'autorità per gli investimenti e lo sviluppo della Sharjah, Shurooq, funzionari delle autorità e dipartimenti della Sharjah e una folla di rappresentanti del settore privato di Sharjah e Giappone.

A tale proposito, lo SCCI ha sottolineato l'importanza delle relazioni bilaterali tra Sharjah e il Giappone, esprimendo la propria disponibilità a fornire tutti gli aspetti del sostegno al settore privato, stabilire partenariati commerciali con la comunità imprenditoriale giapponese in vari settori di investimento, semplificare gli scambi commerciali e ingresso dei prodotti locali con i più alti standard internazionali nei mercati giapponesi.

Pur accogliendo con favore la delegazione giapponese, Abdul Aziz Shattaf, ha espresso l'auspicio che l'incontro produca un nuovo passo positivo verso il rafforzamento della cooperazione economica e lo sviluppo delle relazioni tra le due comunità imprenditoriali a vari livelli.

"Le relazioni bilaterali tra Emirati Arabi Uniti e Giappone stanno assistendo a un notevole sviluppo, compresi tutti i settori della cooperazione economica e tecnologica. Ciò si riflette nel volume degli scambi commerciali non petroliferi negli ultimi dieci anni, che sono ammontati a 13 miliardi di dollari, mentre il valore degli investimenti giapponesi negli Emirati Arabi Uniti ammontava a 14,3 miliardi di dollari con una presenza di 10.000 aziende e agenzie, in particolare nei settori della tecnologia, delle energie rinnovabili, dei trasporti e dell'assistenza sanitaria", ha elaborato Shattaf.

Ha sottolineato che le relazioni tra i due paesi amici hanno anche assistito a una crescita accelerata, favorita dalla firma di 24 accordi e protocolli d'intesa in molti settori. Ciò ha reso gli Emirati Arabi Uniti uno dei maggiori partner commerciali del Giappone in tutto il mondo.

Da parte sua, Masami Ando ha sottolineato l'importanza dell'emirato di Sharjah come destinazione di investimento per le aziende giapponesi come incubatore di imprese, sottolineando la necessità di spingere le relazioni bilaterali verso una maggiore crescita e prosperità.

Ciò contribuirebbe a migliorare l'esplorazione di maggiori opportunità di investimento disponibili in vari settori, servire la comunità imprenditoriale e rafforzare le aspirazioni del settore privato su entrambi i lati a livello commerciale e di investimento.

Ando ha ringraziato e apprezzato gli sforzi di SCCI nell'organizzazione di questo forum e le strutture fornite agli uomini d'affari giapponesi e alle loro società a Sharjah, invitando uomini d'affari e investitori degli Emirati a visitare il Giappone per conoscere da vicino le opportunità commerciali più importanti in tutti i settori.

Elie Jamil Armaly ha fatto luce sulle caratteristiche uniche dell'ambiente di investimento nell'Emirato di Sharjah e sulle opportunità disponibili in vari settori economici, mettendo in luce le strade per sviluppare il business delle aziende giapponesi nel mercato locale che sta vedendo i tassi di crescita annuali in molti vitali settori.

Ciò offre promettenti opportunità di investimento nell'emirato, in particolare nel settore turistico e ricreativo, dei servizi di trasporto e fornitura, assistenza sanitaria, ambiente, istruzione e industrie leggere, oltre ai più importanti progetti di sviluppo in corso, nonché gli incentivi e le strutture fornite dall'emirato verso i capitali che desiderano investire in esso.

Alcune società giapponesi hanno messo in evidenza i privilegi che offrono nei settori delle industrie alimentari, di illuminazione, di decorazione e di imballaggio, esprimendo le loro aspirazioni ad espandere i loro investimenti nell'Emirato di Sharjah per sfruttare l'ambiente favorevole, le infrastrutture distinte e la distinta posizione geografica il che rende facile per quelle aziende penetrare negli altri mercati del Golfo.

Il forum si è concluso organizzando incontri d'affari bilaterali tra uomini d'affari delle due parti, incentrati sulla discussione di partenariati, cooperazione e coordinamento reciproco e sulle opportunità di investimento disponibili.

La delegazione giapponese ha anche visitato la Città universitaria di Sharjah, in cui sono state informate sulle strutture accademiche e pubbliche e sui progetti futuri.

La delegazione ha visitato anche l'autorità internazionale della zona franca dell'aeroporto di Sharjah, SAIF ZONE, dove ha appreso i vantaggi e i servizi forniti agli investitori, il più importante dei quali è la proprietà aziendale al 100%, il trasferimento di capitali e profitti senza restrizioni valutarie e una piena esenzione fiscale.

Sono stati inoltre informati sui magazzini e gli uffici forniti da SAIF ZONE, insieme a prezzi competitivi e alla fornitura di attrezzature, lavoratori e servizi di spedizione 24 ore su 24, che la hanno resa la migliore destinazione per gli investimenti nella regione del Medio Oriente.

Tradotto da: Hussein Abuel Ela.

https://www.wam.ae/en/details/1395302820930

WAM/Italian