martedì 14 luglio 2020 - 11:25:24 mattina

Il Ministro dell’Ambiente e dei Cambiamenti Climatici annuncia una svolta nel programma di ricerca sulla coltivazione del riso condotto dagli Emirati Arabi Uniti e la Corea


DUBAI, 2 giugno 2020 (WAM) - Il dott. Thani bin Ahmed Al Zeyoudi, Ministro dell’Ambiente e dei Cambiamenti Climatici, ha annunciato il successo della fase pilota di un programma di ricerca congiunto tra gli Emirati Arabi Uniti e la Repubblica di Corea, volto a esplorare la possibilità di coltivare riso nel deserto.

L'annuncio è arrivato durante la sua intervista con l'agenzia di stampa Bloomberg.

Il Ministero dell’Ambiente e dei Cambiamenti Climatici, MoCCAE, gestisce il progetto in collaborazione con l'Amministrazione per lo Sviluppo Rurale, RDA, della Repubblica di Corea e l'Università degli Emirati Arabi Uniti, UAEU.

La fase pilota ha registrato una svolta nell'aumentare la produttività delle colture in condizioni locali difficili. I risultati preliminari indicano una resa di 763 kg di riso per 1.000 metri quadrati.

Al Zeyoudi ha dichiarato: "L'iniziativa innovativa è la prima impresa del suo genere in Medio Oriente. Se ha successo su larga scala, questo progetto innovativo ha il potenziale per plasmare il futuro dell'agricoltura, come può essere replicato in altre aride regioni. Il riso è uno degli alimenti più importanti che viene consumato quotidianamente in questa regione. Ci stiamo concentrando sulla promozione dell'innovazione e sull'esplorazione dell'agritech nella crescita delle colture che sono molto richieste a livello locale. Cerchiamo di sfruttare al meglio le nostre risorse e trovare coltivazioni e metodi adatti al nostro clima desertico. In questo processo, stiamo esplorando e adottando soluzioni più innovative in ogni fase".

Ha aggiunto: "Ringraziamo la RDA e l’UAEU per questa collaborazione produttiva. Il programma si allinea agli sforzi del Ministero per coinvolgere le università locali nell'affrontare sfide urgenti nel settore agricolo. Fornirà una base per altri programmi di ricerca e imprese legate al cibo e l'agricoltura, nonché un riferimento per ricercatori e studenti negli Emirati Arabi Uniti. "

Il Dott. Al Zeyoudi ha osservato che il progetto mira a sostenere la spinta del Paese a garantire alternative locali ai prodotti importati per assicurare una catena di approvvigionamento alimentare ininterrotta, date le fluttuazioni del commercio internazionale a causa dell'attuale pandemia.

Kwon Yongwoo, Ambasciatore della Repubblica in Corea negli Emirati Arabi Uniti, ha dichiarato: "Il governo e l'ambasciata coreani sono lieti che la cooperazione dei due paesi nell'area agricola abbia visto il primo successo tangibile, soprattutto durante questa difficile situazione a causa della pandemia di COVID -19" .

Ha aggiunto: "La Corea ha una lunga esperienza e tecnologie all'avanguardia nel campo dell'agricoltura e della sicurezza alimentare, ed è pronta a condividerla con gli Emirati Arabi Uniti, l'unico partner strategico speciale della Corea in Medio Oriente e Africa".

Yongwoo ha espresso l'intenzione del suo governo di continuare a lavorare a stretto contatto con il MoCCAE nella seconda fase del programma, che si concentrerà più intensamente sulle tecnologie di risparmio idrico che sono essenziali per garantire la fattibilità economica. Inoltre, il governo coreano collaborerà con gli Emirati Arabi Uniti in altre importanti aree dell'agricoltura, come progetti di serre intelligenti e controllo dei parassiti delle palme da dattero.

Dopo test approfonditi, gli esperti del progetto hanno selezionato le varietà di riso Asemi e FL478 da coltivare grazie alla loro capacità di tollerare il calore, la salinità e i suoli di scarsa qualità.

Il progetto è stato condotto presso il Centro di Ricerca del Ministero ad Al Dhaid, nell'emirato di Sharjah, dove i semi sono stati piantati nel novembre 2019 e raccolti in tre fasi nel maggio 2020 con un ciclo crescente di 180 giorni. Per ridurre i costi e la quantità di acqua utilizzata per le coltivazioni, il team del progetto ha installato un sistema d’irrigazione a goccia sotterraneo.

Il complesso delle fasi di raccolta è stato diviso in tre blocchi per facilitare il monitoraggio e la registrazione dei risultati. Il primo blocco è stato raccolto il 5 maggio, il secondo il 10 maggio e il terzo il 30 maggio.

Tuttavia, il riso raccolto sarà messo in uso commerciale solo dopo il completamento dei test per garantirne la conformità alle caratteristiche standard.

Tradotto da: G. Mohammed.

http://www.wam.ae/en/details/1395302845874

WAM/Italian