venerdì 23 aprile 2021 - 2:30:22 mattina

Speciale WAM: il primo hotel in assoluto degli Emirati Arabi Uniti racconta come tutto è iniziato 90 anni fa

  • capture 1.png
  • capture 2.png
  • capture 3.png
  • capture 4.png
  • capture 5.png
  • capture 6.png

Di: Binsal AbdulKader ABU DHABI, 3 marzo 2021 (WAM) - Mentre migliaia di hotel negli Emirati Arabi Uniti si stanno preparando quest'anno per accogliere ospiti e delegati dell'Expo 2020 di Dubai, la Casa di Riposo di BOAC rimane caro nella memoria della nazione come il primo hotel ad essere costruito negli anni '30.

Secondo gli standard odierni, il numero di camere d'albergo di marca negli Emirati Arabi Uniti dovrebbe raggiungere fino a 108.300 entro la fine del 2021, secondo un rapporto della società internazionale di servizi professionali e gestione degli investimenti Colliers.

Tuttavia, questi enormi numeri che rappresentano strutture di livello mondiale hanno avuto un umile inizio con la prima struttura istituita durante il 1932-33 presso l'aeroporto di Sharjah.

Sosta notturna che collega Regno Unito e India Imperial Airways, che in seguito si fuse con British Airways per fondare la British Overseas Airways Corporation (BOAC) nel 1939, originariamente costruì la Casa di Riposo di BOAC in risposta alla necessità di uno scalo notturno per i suoi aerei di linea sulla rotta aerea del golfo occidentale verso l'India, secondo un articolo su Liwa, una rivista pubblicata dagli archivi nazionali degli Emirati Arabi Uniti.

Per nove mesi, mentre l'edificio era in costruzione, i passeggeri durante la notte hanno utilizzato un campo tendato. Un'ala del forte difensivo Foursquare è stata assegnata alle camere degli ospiti. Sembra che avesse sei stanze singole e tre doppie, con una capacità di dodici persone, dice l'articolo scritto da Nicholas Stanley-Price, un archeologo con esperienza nel Mediterraneo orientale e nel Medio Oriente.

L'edificio aveva anche cinque stanze aggiuntive che furono costruite nel 1935 per i membri indiani del servizio meteorologico. Tuttavia, lo scrittore non ha approfondito il loro ruolo nell'aerodromo.

Unico hotel nello stato Trucial Sharjah, insieme agli emirati vicini, faceva quindi parte dello Stato Trucial, che era una raccolta di vari sceicchi che si allearono con gli inglesi attraverso una serie di trattati fino alla formazione degli Emirati Arabi Uniti nel 1971.

Nel 1947, la British Overseas Airways Corporation (BOAC), annunciò che non era più necessario fare scalo a Sharjah e l'ultimo idrovolante BOAC lasciò Sharjah il 10 gennaio 1947, dice il giornale dell'Archivio Nazionale.

Al ritiro della BOAC nel 1947-48, una nuova compagnia, la International Aeradio Limited, rilevò l'aeroporto di Sharjah come importante stazione per il controllo del traffico aereo nel golfo. È rimasto l'unico hotel negli Stati Trucial fino agli anni '60.

Molti visitatori degli Stati Trucial negli anni '50 e '60 si riferivano alla Casa di Riposo BOAC presso l'aeroporto di Sharjah come l'unica sistemazione disponibile nelle vicinanze di Sharjah e Dubai, scrive Stanley-Price.

Il primo hotel apre la strada alla creazione di una banca, un ospedale La Casa di Riposo ha anche servito altri visitatori come diplomatici britannici con sede in Bahrain nei loro viaggi di servizio sulla Trucial Coast, che sono diventati più frequenti nel periodo successivo alla seconda guerra mondiale, così come uomini d'affari e imprenditori che hanno visitato Sharjah e Dubai.

Per gli uomini d'affari in visita e altri, era l'unico alloggio "secondo gli standard occidentali" disponibile vicino a Sharjah o Dubai, a circa 20 km di distanza, scrive l'autore.

La Casa di Riposo aveva indirettamente contribuito alla creazione di quella che divenne la Banca Britannica del Medio Oriente e l'ospedale Al-Maktoum a Dubai.

In attesa che queste istituzioni venissero costruite a Dubai, alcuni membri del loro personale vivevano nell'aerodromo e facevano il pendolare a Dubai o Sharjah.

Il fondatore della Banca Britannica del Medio Oriente con sede a Dubai, Mark Stott, e Desmond McCaully, che aveva fondato l'ospedale Al-Maktoum, hanno vissuto per lunghi periodi alla Casa di Riposo, rivela Stanley-Price.

Il romanziere predice Sharjah come futura località invernale Nomina anche alcuni ospiti di spicco alla Casa di Riposo durante un periodo di due settimane nel novembre 1949, come il colonnello Moody, un consulente medico del residente politico e consigliere politico sulla costa di Trucial, e l'esploratore Wilfrid Thesiger.

L'autore ha citato il romanziere Hammond Innes nel 1954 dicendo che la Casa di Riposo "non era altro che un hotel di transito aeroportuale. Per un ostello nel deserto è incredibilmente buono "mentre immaginavo che un giorno Sharjah sarebbe stata una colorata località invernale per i ricchi viaggiatori.

Intorno al 1957, il petroliere ed esploratore Wendell Phillips arrivò a Dubai e gli fu detto che l'unico vero alloggio era la Casa di Riposo BOAC.

Solo hotel climatizzato fino all'inizio degli anni '60 Negli anni '60 un giornalista egiziano, Salim Zabbal, lo definì "l'unico hotel di tutta la Trucial Coast che forniva un buon pasto e una camera climatizzata per dormire".

Stanley-Price osserva che l'Hotel Airlines di Dubai, aperto nel 1961, non era dotato di aria condizionata.

La costruzione di hotel moderni a Sharjah dovette attendere fino alla fine degli anni '60, quando ne furono aperti tre: il Seaface sul lungomare, nell'ex residenza dell'agente politico britannico, lo Sheba nella nuova città e il Carlton, che è ancora oggi in funzione, vicino alla spiaggia nella zona di al-Khan, dice il giornale dell'Archivio Nazionale.

L'Archivio Nazionale è stato originariamente istituito nel 1968 con il nome di "Ufficio Documenti e Ricerca" con l'obiettivo di raccogliere documenti e informazioni relative alla storia e alla cultura degli stati del Golfo Arabico in generale e degli Emirati Arabi Uniti in particolare, da fonti primarie in arabo e paesi stranieri.

È una delle più antiche istituzioni culturali degli Emirati Arabi Uniti e la più grande organizzazione del suo genere nella regione del Golfo Arabico. Oltre al suo ruolo nella documentazione e nell'archiviazione, gli archivi nazionali forniscono agli intellettuali una varietà di pubblicazioni, inclusa la rivista Liwa, che esplorano sia le autentiche questioni culturali che quelle contemporanee nella storia e nel patrimonio.

Tradotto da: Hussein Abuel Ela.

http://wam.ae/en/details/1395302914984

WAM/Italian