venerdì 21 gennaio 2022 - 12:35:40 mattina

L'UE saluta gli sforzi degli Emirati Arabi Uniti per rafforzare i diritti umani, afferma che l'adesione all'UNHRC del paese mostra "una crescente presenza internazionale"


DUBAI, 23 ottobre 2021 (WAM) - La recente elezione degli Emirati Arabi Uniti al Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite (UNHRC) per la terza volta riflette la "crescente presenza internazionale" del paese, il vicepresidente della Commissione europea per la promozione della nostra Via europea della Vita, disse.

In dichiarazioni esclusive all'Agenzia di stampa degli Emirati (WAM), Margaritis Schinas ha descritto gli Emirati Arabi Uniti come "un polo di potere, influenza e ispirazione".

Schinas è negli Emirati Arabi Uniti per partecipare agli eventi e alle attività della Giornata dell'onore dell'Unione europea a Expo 2020 Dubai, che si terrà sabato presso i padiglioni degli Stati membri dell'UE.

"L'esito del voto dell'UNHRC è il culmine degli sforzi degli Emirati Arabi Uniti per rafforzare i diritti umani e le libertà ed è una testimonianza dell'importanza che gli Emirati Arabi Uniti attribuiscono ai diritti umani e al raggiungimento dello sviluppo sostenibile sia a livello regionale che internazionale", ha affermato.

"La crescente presenza internazionale degli Emirati Arabi Uniti e l'accordo di normalizzazione con Israele mostrano che gli Emirati Arabi Uniti fungono da catalizzatore verso una maggiore stabilità nella regione. Gli Emirati Arabi Uniti sono senza dubbio un polo di potere, influenza e ispirazione".

Tra le altre responsabilità, a Schinas è affidata la supervisione dell'integrazione dei migranti e dei rifugiati. Crede che la comunità internazionale potrà continuare a "contare sul contributo degli Emirati Arabi Uniti" all'attuale crisi dei rifugiati afghani.

"Il 7 ottobre 2021 l'UE ha tenuto un forum ad alto livello sulla protezione degli afgani a rischio, in cui abbiamo annunciato che metteremo in atto uno specifico programma di sostegno pluriennale per gli afgani come nostro contributo agli sforzi globali", ha affermato.

"Sono fiducioso che la comunità internazionale potrà anche continuare a contare sul contributo degli Emirati Arabi Uniti nell'offrire percorsi legali, sicuri e organizzati ai cittadini afgani. Penso che gli Emirati Arabi Uniti possano essere profondamente orgogliosi del lavoro svolto insieme ai suoi partner nel mondo comunità per assistere il popolo afghano per motivi umanitari.

"L'UE ha anche dedicato tutti i suoi sforzi per garantire la rapida evacuazione delle persone bisognose, essendo riuscita ad assistere quasi 10.000 persone nell'evacuazione nell'ambito del nostro meccanismo di protezione civile prima della chiusura dell'aeroporto".

Tuttavia, il funzionario dell'UE ha espresso le sue preoccupazioni per la situazione in Afghanistan nonostante tutti gli sforzi internazionali.

"La situazione in Afghanistan resta preoccupante e richiede una risposta determinata e concertata alle sue molteplici dimensioni. È chiaro che non possiamo abbandonare le persone in pericolo immediato nel paese. Giornalisti, personale delle ONG e difensori dei diritti umani sono tra coloro che sono più a rischio, in particolare donne e bambini. Le evacuazioni dovrebbero continuare, per quanto ciò rimarrà possibile nelle difficili circostanze in evoluzione", ha affermato.

Parlando di Expo 2020 Dubai, Schinas ha affermato che l'evento "offre l'opportunità alle persone di riconnettersi e offre nuove prospettive attraverso la musica, la gastronomia, l'architettura e la cultura".

Questa fiera globale, ha proseguito, "permette a tutti noi di discutere e trovare soluzioni alle sfide comuni che dobbiamo affrontare. Come comunità globale, abbiamo bisogno di queste opportunità per riunirsi e creare uno slancio comune per affrontare questioni imperative come il cambiamento climatico.

"In Europa sappiamo che le sfide globali richiedono soluzioni globali. Ed è per questo che siamo qui a Expo 2020; per contribuire a conversazioni significative e collaborare con partner mondiali e persone per affrontare le sfide globali, in uno spirito di cooperazione e co-creazione".

Ha elogiato le autorità degli Emirati per "l'eccezionale organizzazione di questo primo evento globale post-pandemia", affermando che Expo "riflette la visione ambiziosa e le aspirazioni globali di questo paese".

Schinas è ottimista e fiducioso che l'evento si dimostri l'inizio del ritorno alla normalità sulla scia della pandemia di COVID-19.

"Spero che questo sia un indicatore della forma delle cose a venire. L'Europa è il continente più vaccinato al mondo e gli Emirati Arabi Uniti hanno avuto un programma di vaccinazione estremamente impressionante con oltre l'85 percento della popolazione completamente vaccinata", ha affermato.

"Ecco perché l'UE ha aggiunto gli Emirati Arabi Uniti alla lista dei paesi terzi sicuri l'8 ottobre, che dovrebbe anche facilitare i viaggi a Dubai e visitare Expo. Siamo felici che gli Emirati Arabi Uniti siano avanzati nel processo di collegamento al certificato digitale Covid dell'UE in quanto ciò può facilitare ulteriormente la mobilità ed è così tanto necessario per rilanciare le nostre economie e il settore del turismo.

"Tuttavia, c'è ancora molto lavoro per garantire che i vaccini raggiungano tutti gli angoli del mondo. L'UE sta aprendo la strada e ha già esportato oltre un miliardo di dosi in paesi terzi e contiamo sugli Emirati Arabi Uniti per collaborare con noi in questo sforzo".

Tradotto da: Mina Samir Fokeh.

http://wam.ae/en/details/1395302984135

WAM/Italian