martedì 29 novembre 2022 - 5:44:08 mattina

"Revive the Spirit of Mosul" e il ruolo degli UAE: la speranza trionfa sul fanatismo


Di Pablo Augusto

ABU DHABI, 25 novembre 2022 (WAM) - "Revive the Spirit of Mosul" è un'iniziativa lanciata nel 2018 dall'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'educazione, la scienza e la cultura (UNESCO). L'organismo delle Nazioni Unite afferma che si trattava di una "risposta per il recupero di una delle città iconiche dell'Iraq".

Mosul ha sopportato un'occupazione durata tre anni (2014-2017) da parte dell'autoproclamato Stato islamico (Daesh), che ha portato alla distruzione dell'80% della citta'.

L'UNESCO afferma che il patrimonio della Città Vecchia "riflette l'interscambio di valori di tolleranza e convivenza attraverso molti secoli". Lo storico iracheno Omar Mohammed, Research Fellow alla George Washington University, conosciuto inizialmente come il blogger anonimo 'Mosul Eye', che informava il mondo sulla vita sotto lo Stato Islamico, sottolinea che Mosul è una città dove ebrei, cristiani, yazidi e I musulmani di diverse sette una volta vivevano insieme. "Una città nota per la sua diversità unica", aggiunge.

L'UNESCO, secondo cui Mosul è stata "un luogo strategico per via del suo crocevia e ponte tra nord e sud, est e ovest" per millenni, afferma che la diversità della città l'ha resa un obiettivo per lo Stato islamico. Distrutta dalla guerra, un progetto di ricostruzione della città doveva tener conto di tutto ciò, basandosi su tre pilastri: patrimonio, vita culturale e istruzione, "Revive the Spirit of Mosul" è stato finanziato da 15 partner. Tra questi, gli Emirati Arabi Uniti, che hanno contribuito con 50 milioni di dollari e l'Unione Europea.

Inizialmente, il contributo degli Emirati Arabi Uniti alla ricostruzione del patrimonio culturale di Mosul riguardava il ripristino e la ricostruzione di punti di riferimento, come la Moschea Al-Nouri e il suo minareto Al-Hadba di 45 metri, costruito più di 800 anni fa. Tuttavia, un anno dopo, gli Emirati Arabi Uniti e l'UNESCO hanno rinnovato la loro collaborazione includendo il sostegno alla ricostruzione della Chiesa di Al-Tahera, considerata dall'UNESCO "un simbolo iconico intessuto nella storia di Mosul", e della Chiesa di Al-Saa, nota anche come Chiesa di Nostra Signora dell'Ora, entrambe costruite nel XIX secolo.

Dopo aver firmato l'accordo, Noura bint Mohammed Al Kaabi, Ministro della Cultura e della Gioventù degli Emirati Arabi Uniti, ha affermato: "Siamo molto onorati di firmare questa partnership con l'UNESCO e il popolo iracheno per portare avanti i nostri sforzi per aiutare a ricostruire Mosul e rilanciare il spirito di convivenza e coesione sociale”.

Anni dopo il lancio dell'iniziativa, Paolo Fontani, Direttore dell'UNESCO in Iraq, ha affermato in una conversazione con l'Agenzia di stampa degli Emirati (WAM) che "il dialogo è effettivamente lì; sta accadendo" in una città che è sempre stata vista come un luogo simboleggiano gli scambi, la convivenza di culture ed etnie diverse.

"Quindi questa è l'idea di far rivivere lo spirito di Mosul. Sta facendo rivivere la libertà della gente di Mosul e riportando le loro identità lavorando insieme. Sottolinea che la forza del male non vincerà e che la cultura rimarrà sempre parte del nostro patrimonio", dice Fontani, aggiungendo che la ricostruzione potrebbe significare un "simbolo di rinascita in Iraq" e nel mondo.

L'iniziativa, rallentata dalla pandemia di COVID-19, si sta avviando verso la fase finale. Il capo dell'Unesco in Iraq ci ricorda che è in corso la ricostruzione della moschea di Al Nouri, del minareto di Al Habda, della chiesa di Al-Saa'a e di Tahera. Fontani ritiene che la maggior parte dei monumenti sarà terminata entro la fine del 2023.

Il minareto di Al Habda richiederà alcuni mesi in più. "Stiamo costruendo utilizzando le stesse tecniche, lo stesso materiale, utilizzando modalità di ricostruzione che manterranno il valore di ciò che stiamo facendo", sottolinea.

Insieme alla ricostruzione edilizia prosegue anche quella del tessuto sociale, secondo Omar Mohammed. Lo storico afferma che la ripresa di Mosul è lenta ma va avanti. "Il tessuto sociale si sta riprendendo, è in fase di ri-sviluppo o sviluppo della sua narrativa di convivenza. E in futuro, più assistiamo al recupero dei siti del patrimonio culturale della città, più vediamo rafforzarsi il tessuto sociale ”, ha dichiarato.

Mohammed ha citato le visite nel 2021 di Papa Francesco e del presidente francese, Emmanuel Macron, come tappe importanti nel processo di riabilitazione e ha espresso la speranza per una visita del Ministro della Cultura degli Emirati Arabi Uniti, Noura Al Kaabi, che, secondo lui, ha un collegamento diretto con Mosul e la sua ripresa.

Anni dopo la liberazione della città in una battaglia che ha ucciso migliaia di persone, altri segni confermano la sua riabilitazione. Paolo Fontani ci ricorda che il numero degli studenti iscritti all'Università di Mosul è salito dopo aver condiviso una conversazione con il capo dell'istituto. "Sapere che l'università prima della guerra aveva 37.000 studenti, e ora ne hanno il doppio è stato rassicurante. Il numero di cristiani o yazidi ora è salito a migliaia, prima erano a due cifre", ha spiegato il capo dell'Unesco in Iraq.

"Revive the Spirit of Mosul" ha avuto un impatto multidimensionale e tangibile sulla città di Mosul. Il rappresentante dell'UNESCO in Iraq afferma che più di 1700 persone sono state formate e più di 3500 sono state impiegate nell'ambito dell'iniziativa. "Stiamo lavorando su un'area specifica, in cui si vedono le cose tornare indietro. Non stiamo solo costruendo monumenti, ma stiamo anche costruendo case. La gente sta tornando a vivere nell'area. Alcune organizzazioni culturali hanno iniziato a lavorare a Mosul, in particolare nella Città Vecchia. Di sicuro c'è attività, anche economica", aggiunge Fontani.

Quell'attività rappresenta un cambiamento rispetto allo scenario che Fontani ha dovuto affrontare al suo arrivo a Mosul nel 2019. "La prima volta che sono arrivato a Mosul c'era silenzio; probabilmente era la cosa più incredibile, era il silenzio; non c'erano macchine, persone, nessuno. Tutto è stato distrutto e c'era un silenzio totale", afferma. "Ora, negli anni, quando torno nella parte occidentale di Mosul, la Città Vecchia di Mosul è piena di gente, piena di traffico, forse già troppo traffico, ma movimento, negozi aperti, mercati aperti, Bazar aperti, gente che ricostruisce", dice.

Fontani ritiene che il fatto che un ente come l'UNESCO sia riuscito ad attrarre finanziamenti significativi per investire nel patrimonio e nella cultura dimostri che possono diventare una parte vitale del settore dello sviluppo di un Paese. "In Europa o nel mondo la cultura a volte rappresenta il 6% dell'occupazione, il 3% del Pil dei Paesi, quindi stiamo dimostrando che questo può accadere anche in Iraq; che la cultura può e deve diventare un motore di sviluppo e inoltre è molto stabile per lo sviluppo perché le persone stanno lavorando sul proprio patrimonio, sulla propria identità e questo è davvero importante", afferma.

"La ripresa di Mosul non è importante solo per la popolazione di Mosul, ma anche per il resto del mondo per mostrare l'importanza della mobilitazione internazionale. Mostra quanto sia importante questo tipo di collaborazione è, quanto è importante questo tipo di cooperazione", sottolinea Omar. Lo storico auspica che la sua città torni ad essere un centro culturale ed economico, uno spazio definito dalla convivenza e dal pluralismo. "La rinascita del patrimonio di Mosul rivelerà che l'unico modo per vivere insieme è credere nella diversità come un mosaico, dove ogni pezzo distinto è parte integrante della rivelazione del tutto, dove ogni pezzo mancante, alla fine, farà cadere tutti i loro comuni destini", afferma Mohammed.

Il recupero del tessuto sociale di Mosul, città il cui nome significa "punto di collegamento" in arabo, richiederà più tempo della ricostruzione di muri, moschee e chiese. Ma come ricorda il direttore dell'Unesco in Iraq, il dialogo è già presente. E Fontani è anche convinto di un brillante futuro davanti.

Concludendo il suo pensiero sull'iniziativa, Paolo Fontani sottolinea l'importanza del supporto dei partner che hanno sposato l'idea. "Penso che sia molto chiaro che tutto questo non sarebbe accaduto senza il grande sostegno degli Emirati Arabi Uniti e di altri donatori - una richiesta di aiuto che è stata ben accolta, che ci rende orgogliosi e consapevoli della responsabilità che ci hanno consegnato", conclude.

https://wam.ae/en/details/1395303105623