domenica 27 settembre 2020 - 11:35:49 sera

Il Ministro di Stato per la sicurezza alimentare e idrica riafferma l'impegno degli Emirati Arabi Uniti per l'Agenda 2030 delle Nazioni Unite per lo sviluppo sostenibile


DUBAI, 12 settembre 2020 (WAM) - Mariam Hareb Almheiri, Ministro di Stato per la Sicurezza Alimentare, è stata ospite di una riunione virtuale dei ministri dell'Alimentazione e dell'Agricoltura del G20 che si è svolta oggi, 12 settembre 2020.

Convocato per discutere i problemi di sicurezza alimentare e idrica durante e dopo il COVID-19, l'evento che ha ospitato i ministri delle 20 principali nazioni economiche del mondo si è concentrato su una varietà di questioni, tra cui l'importanza del libero scambio, investimenti responsabili in agricoltura, perdita di cibo e rifiuti e il ruolo della tecnologia nel porre fine alla fame nel mondo.

Nell'agenda della riunione era incluso il modo in cui la crescente popolazione mondiale è sempre più urbanizzata e interconnessa, con questioni di sicurezza alimentare e idrica che hanno profonde implicazioni per il benessere delle comunità globali, la crescita economica e la capacità di far fronte alle sfide ambientali e sanitarie, inclusi i disastri naturali, la perdita e la malattia della biodiversità.

"Entro il 2050, le reti mondiali di produzione e approvvigionamento alimentare dovranno nutrire in modo sostenibile più di 9 miliardi di persone, il che significa che dovranno produrre cibo per soddisfare la domanda che sarà superiore del 60% a quella odierna. Garantire un'alimentazione adeguata, acqua e servizi igienici per questo numero crescente di persone durante un periodo di cambiamento climatico, siccità e desertificazione crescente è di per sé una sfida epocale, ma è stata ulteriormente esacerbata dalla pandemia COVID-19 ", ha detto Almheiri.

La riunione del G20 ha visto i ministri dell'agricoltura riaffermare gli impegni presi nella loro dichiarazione ministeriale del 21 aprile 2020, quando hanno deciso di cooperare strettamente e intraprendere azioni concrete per salvaguardare la sicurezza alimentare e la nutrizione globali. Li ha anche visti rinnovare la determinazione dei rispettivi governi a soddisfare i 17 obiettivi di sviluppo sostenibile (SDG) delle Nazioni Unite, sottolineando che il libero scambio e la libera circolazione di merci e prodotti attraverso le frontiere sono la pietra angolare per soddisfare le esigenze di sicurezza alimentare e idrica del mondo.

"Durante l'incontro virtuale del G2O, come ministri partecipanti abbiamo ribadito il rispettivo impegno dei nostri governi nei confronti dell'Agenda 2030 delle Nazioni Unite per lo sviluppo sostenibile e abbiamo ribadito i nostri sforzi collettivi per promuovere l'agricoltura, i sistemi alimentari e idrici che siano resilienti, inclusivi e sostenibili. Avviare un commercio trasparente, prevedibile e coerente con le regole dell'Organizzazione mondiale del commercio migliora la prevedibilità del mercato, aumenta la fiducia delle imprese e consente il libero flusso del commercio agroalimentare. È questo flusso libero di prodotti che è il fondamento della sicurezza alimentare e della nutrizione globali ", ha aggiunto il ministro.

Affrontando specificamente la crisi del coronavirus, i ministri hanno riconosciuto il devastante bilancio umano del COVID-19 e il suo impatto di vasta portata sulla sicurezza alimentare e sulla nutrizione. Hanno dichiarato la loro intenzione di migliorare i servizi idrici, igienico-sanitari e igienici per affrontare la pandemia e hanno invitato le organizzazioni internazionali a continuare a monitorare e riferire sugli impatti della pandemia, a fornire consulenza sulle misure di emergenza e di recupero e a fornire raccomandazioni sul rafforzamento della resilienza e sostenibilità del sistema del cibo globale.

Sottolineando l'importanza di aderire all'approccio `` One Health '' che riconosce che la salute delle persone è strettamente connessa alla salute degli animali e dell'ambiente condiviso, i ministri hanno chiesto robusti meccanismi di monitoraggio, prevenzione, rilevamento e controllo delle malattie zoonotiche ( malattie causate dalla diffusione di germi tra animali e esseri umani), nonché lo sviluppo di linee guida internazionali basate sulla scienza su misure più rigorose di sicurezza e igiene per il controllo della zoonosi.

La riunione virtuale dei ministri dell'agricoltura e dell'alimentazione del G20 si è conclusa con il riconoscimento dell'importanza di intensificare gli sforzi verso la sicurezza alimentare sostenibile e la gestione dell'acqua resiliente, nonché un rafforzamento della cooperazione con tutte le parti interessate per il raggiungimento di obiettivi comuni. I ministri hanno espresso la loro gratitudine al Giappone per i suoi sforzi nella Presidenza del G20 nel 2019, hanno ringraziato il Regno dell'Arabia Saudita per la sua leadership del G20 quest'anno e hanno augurato il meglio all'Italia per la sua Presidenza del G20 nel 2021.

Tradotto da: G. Mohammed.

http://wam.ae/en/details/1395302869311

WAM/Italian