mercoledì 19 maggio 2021 - 5:49:52 mattina

I legami economici di lunga data tra Giappone e Emirati Arabi Uniti rimangono solidi con scambi di 22,4 miliardi di dollari nel 2020: ministro giapponese

  • mr. ejima2
  • 1
  • mr. ejima3.jpg

ABU DHABI, 23 febbraio 2021 (WAM) - Gli Emirati Arabi Uniti sono un partner di lunga data che ha sostenuto l'economia e la società giapponese e le relazioni economiche rimangono solide con scambi bilaterali di 22,4 miliardi di dollari nel 2020, ha detto all’Agenzia Stampa degli Emirati (WAM) un alto funzionario giapponese.

"In qualità di uno dei più importanti fornitori di petrolio greggio in Giappone, gli Emirati Arabi Uniti sono un partner molto importante che ha sostenuto la nostra economia e la nostra società per molto tempo", ha affermato Ejima Kiyoshi, ministro dell'economia, del commercio e dell'industria (METI) in un'intervista via e-mail da Tokyo.

Solide relazioni economiche Dei 22,4 miliardi di dollari del commercio bilaterale nel 2020, le esportazioni dal Giappone agli Emirati Arabi Uniti erano fissate a 5,7 miliardi di dollari e le importazioni dagli Emirati Arabi Uniti al Giappone valevano 16,7 miliardi di dollari, ha rivelato.

Il Giappone è il più grande importatore internazionale di prodotti petroliferi e di gas della Abu Dhabi National Oil Company (ADNOC) con circa il 25 percento del suo petrolio greggio importato dagli Emirati Arabi Uniti.

Tuttavia, Ejima ha chiarito che il rapporto tra il Giappone e gli Emirati Arabi Uniti non è limitato al settore energetico.

"Più di 340 aziende giapponesi hanno le loro basi più grandi in Medio Oriente, negli Emirati Arabi Uniti, e hanno promosso la cooperazione economica in un'ampia gamma di aree", ha osservato.

Legami bilaterali ad ampio raggio Oltre al settore energetico, gli Emirati Arabi Uniti e il Giappone hanno collaborato in una vasta gamma di settori, tra cui l'assistenza medica, l'istruzione, l'industria e l'emancipazione delle donne, ha affermato il ministro.

Poiché quest'anno ricorre il 50esimo anniversario della fondazione degli Emirati Arabi Uniti e il prossimo anno sarà il 50esimo anniversario delle relazioni diplomatiche tra Emirati Arabi Uniti e Giappone ", spero sinceramente che le relazioni amichevoli e di cooperazione tra Emirati Arabi Uniti e Giappone saranno ulteriormente sviluppate in vari campi ", ha detto Ejima.

"Il governo del Giappone farà anche tutto il possibile per rafforzare i legami economici tra i due paesi", ha aggiunto.

Impatto di COVID-19 Parlando della pandemia di coronavirus, ha detto: "La crisi del COVID-19 con il suo enorme impatto in tutto il mondo ha cambiato drasticamente le nostre vite e ci ha ricordato che l'energia è il fondamento di tutte le attività economiche, compreso l'uso delle tecnologie digitali.

"Allo stesso tempo, dobbiamo accelerare i nostri sforzi verso la decarbonizzazione poiché la questione del cambiamento climatico è una crisi comune che deve affrontare tutta l'umanità".

Ha sottolineato che è importante creare un "circolo virtuoso dell'economia e dell'ambiente" in cui misure proattive contro il riscaldamento globale porteranno a cambiamenti nella struttura industriale e nell'economia e porteranno a una crescita economica significativa.

"La chiave di questo circolo virtuoso è l'innovazione rivoluzionaria", ha affermato.

Strategia di crescita verde giapponese Alla fine dello scorso anno, il Giappone ha formulato la sua Strategia per la crescita verde, che include misure politiche di sostegno per promuovere lo sviluppo sociale in 14 settori promettenti, tra cui l'idrogeno, le automobili e le batterie di stoccaggio e il riciclaggio del carbonio.

D'ora in poi, il Giappone mobiliterà tutte le politiche, compreso un fondo di duemila miliardi di yen, incentivi fiscali e deregolamentazione, per mettere in pratica questa strategia, ha spiegato il ministro.

"In futuro, il Giappone coopererà attivamente e contribuirà alla comunità internazionale condividendo le nostre conoscenze ed esperienze per aiutare i paesi a realizzare una transizione energetica realistica", ha affermato.

Il Memorandum di cooperazione (MOC) sull'ammoniaca e il riciclaggio del carbonio tra il METI giapponese e l'ADNOC firmato a gennaio è il primo passo per la nuova cooperazione tra il Giappone e gli Emirati Arabi Uniti sulla crescita verde, ha aggiunto Ejima.

Tradotto da: G. Mohamed.

http://wam.ae/en/details/1395302912745

WAM/Italian