domenica 16 maggio 2021 - 5:00:20 sera

Masdar svilupperà il primo progetto di energia solare su scala industriale basato su investimenti esteri in Azerbaigian


ABU DHABI, 7 aprile 2021 (WAM) - Masdar ha annunciato la firma di accordi per lo sviluppo di un progetto solare fotovoltaico (FV) su scala industriale nella Repubblica dell'Azerbaigian. Il progetto da 230 megawatt (MWac) è il primo progetto solare indipendente basato su investimenti esteri del paese strutturato come un partenariato pubblico-privato.

Mohamed Jameel Al Ramahi, amministratore delegato di Masdar, ha firmato l'accordo di investimento per il progetto con Parviz Shahbazov, ministro dell'Energia dell'Azerbaigian, e ha firmato un accordo di acquisto di energia e un accordo di connessione di trasmissione con Baba Rzayev, presidente di Azerenerji OJSC, società di energia elettrica e off-taker per il progetto.

Gli acquisti sono avvenuti ieri durante una cerimonia presso l'Ufficio del Ministero dell'Energia a Baku, con il dottor Sultan Ahmed Al Jaber, inviato speciale degli Emirati Arabi Uniti per i cambiamenti climatici, ministro dell'Industria e della tecnologia avanzata e presidente di Masdar, e Suhail Al Mazrouei, ministro dell'Energia e delle Infrastrutture degli EAU, frequentando virtualmente. Ha partecipato anche Abdalla Alshamsi, incaricato d'affari presso l'ambasciata degli Emirati Arabi Uniti a Baku.

Parviz Shahbazov ha apprezzato questo progetto basato sugli investimenti esteri in termini di affrontare le sfide globali, lo sviluppo sostenibile e diversificato dell'economia del paese, nonché gli obiettivi delle riforme nel settore energetico.

Ha detto: "La trasformazione dell'Azerbaigian in un paese di "crescita verde" attraverso l'uso estensivo di fonti di energia rinnovabile nei prossimi 10 anni è stata definita da Ilham Aliyev, il Presidente della Repubblica dell'Azerbaigian come una delle priorità nazionali che garantirà lo sviluppo socioeconomico. Firmando questi contratti per una centrale solare del valore di circa 200 milioni di dollari, siamo un passo avanti verso i nostri obiettivi per le energie rinnovabili e le emissioni di carbonio. La centrale solare che sarà costruita a Baku e nel distretto di Absheron produrrà circa 500 milioni di kWh di elettricità all'anno, risparmierà 110 milioni di metri cubi di gas naturale, ridurrà le emissioni di carbonio di 200.000 tonnellate, creerà nuovi posti di lavoro e attirerà altri investitori verso nuovi progetti".

Il dottor Al Jaber ha affermato: "Per gli Emirati Arabi Uniti, è importante che le nostre azioni sul clima amplifichino sempre gli sforzi degli altri in tutto il mondo. Questa partnership con l'Azerbaigian è una grande opportunità per sfruttare la nostra volontà collettiva su questo tema chiave per lavorare verso il raggiungimento degli obiettivi climatici globali, ridurre gli impatti ambientali e creare nuove conoscenze, abilità e posti di lavoro".

Al Mazrouei ha dichiarato: "Gli accordi storici di oggi miglioreranno la cooperazione tra la Repubblica dell'Azerbaigian e gli Emirati Arabi Uniti nel settore delle energie rinnovabili. L'Azerbaigian e gli Emirati Arabi Uniti, entrambi firmatari dell'Accordo di Parigi, sono uniti nel nostro impegno nella lotta al cambiamento climatico. Non vediamo l'ora di lavorare con l'Azerbaigian su altre opportunità di energia pulita in futuro".

Il presidente dell'Azerenerji OJSC ha sottolineato l'importanza dei progetti pilota di energia eolica e solare nel corso della diversificazione della produzione di energia dell'Azerbaigian, che è diventato un esportatore di elettricità oltre a garantire la sua sicurezza energetica, attraverso fonti di energia rinnovabile.

"Secondo gli accordi firmati, il collegamento della centrale da 230 MW che sarà costruita dalla società alla rete e l'acquisto dell'elettricità generata nella centrale saranno effettuati da Azerenerji OJSC", ha detto. "La centrale sarà integrata nel sistema energetico collegandosi alla sottostazione "Janub". Insieme raggiungeremo l'attuazione tempestiva e di alto livello di questi accordi".

L'amministratore delegato di Masdar ha dichiarato: "Questo progetto segna una tappa significativa nella transizione verso l'energia pulita dell'Azerbaigian. Masdar ha assunto un ruolo attivo nell'affrontare il cambiamento climatico dal 2006 e oggi siamo un catalizzatore per l'energia rinnovabile in più di 30 paesi in tutto il mondo. Siamo onorati di lavorare con il governo della Repubblica dell'Azerbaigian su questo progetto storico, che aiuterà l'Azerbaigian a diversificare le sue fonti energetiche, promuovere lo sviluppo sostenibile e ridurre le emissioni".

Il progetto prevede lo sviluppo, il finanziamento, la costruzione e il funzionamento dell'impianto fotovoltaico da 230 MWac, che sarà situato nove chilometri a nord-ovest dell'insediamento di Alat nella Repubblica dell'Azerbaigian. Masdar ha firmato l'accordo di implementazione del progetto nel gennaio dello scorso anno. L'impianto dovrebbe entrare in esercizio commerciale all'inizio del 2023.

L'Azerbaigian punta ad aumentare la sua capacità di potenza installata al 30% da fonti rinnovabili entro il 2030, poiché il paese cerca di diversificare la sua economia e ridurre le emissioni di gas serra. L'Azerbaigian ha un potenziale di energia solare stimato di 23.040 MW, secondo l'Agenzia internazionale per le energie rinnovabili (IRENA). Il progetto aiuterà a generare mezzo miliardo di chilowattora di elettricità all'anno, sufficiente per soddisfare il fabbisogno di oltre 110.000 abitazioni, e ridurrà le emissioni di 200.000 tonnellate all'anno.

Tradotto da: Hussein Abuel Ela.

https://www.wam.ae/en/details/1395302925071

WAM/Italian