venerdì 18 giungo 2021 - 11:11:27 sera

Il piano di Biden negli Stati Uniti potrebbe incoraggiare il Medio Oriente ad essere esportatore netto di energie rinnovabili

  • photo5850515691273303182
  • photo5850515691273303180
  • photo5848417672763651703
  • photo5848417672763651706
  • photo5848417672763651705 (1)
  • 1 (3)
  • 3 (1)
  • 2 (16)
  • 4 (1)
  • 5

ABU DHABI, 20 maggio 2021 (WAM) - Gli ambiziosi piani dell'amministrazione Biden per aumentare le energie rinnovabili negli Stati Uniti avranno un impatto più ampio sul panorama energetico in Medio Oriente, in particolare nel Golfo Arabo, secondo il massimo funzionario di un organismo globale, esperti e principali attori del settore nella regione.

Parlando con l'Agenzia di stampa degli Emirati (WAM) del piano di Biden per rendere gli Stati Uniti un'economia di energia pulita al 100% con emissioni nette zero entro il 2050, Francesco La Camera, direttore generale dell'Agenzia internazionale per le energie rinnovabili (IRENA), ha affermato che tali sforzi sono probabili incoraggiare "un incredibile progresso regionale" poiché il Medio Oriente ha una profonda opportunità per massimizzare le sue risorse energetiche rinnovabili e diventare un esportatore netto di energia rinnovabile e combustibili in futuro.

Nel frattempo, un esperto si aspetta che il piano statunitense influenzerà lo sviluppo tecnologico nel settore delle energie rinnovabili in Medio Oriente. Gli attori del settore come Masdar, Futura compagnia energetica di Abu Dhabi e Siemens Energy Medio Oriente non solo si aspettano un salto nel settore delle energie rinnovabili, ma attendono anche che le opportunità di business negli Stati Uniti siano aperte dall'ultima iniziativa.

Economia energetica pulita e milioni di nuovi posti di lavoro Nei suoi primi 100 giorni in carica, il presidente Biden ha compiuto passi radicali per costruire una nuova infrastruttura americana e un'economia basata sull'energia pulita che creeranno milioni di nuovi posti di lavoro. Il presidente ha emesso un ordine esecutivo annunciando obiettivi audaci per raggiungere un settore energetico privo di inquinamento da carbonio entro il 2035 e mettere gli Stati Uniti su un percorso irreversibile verso un'economia zero-netto entro il 2050, secondo una dichiarazione della Casa Bianca.

Queste iniziative sono state ampiamente discusse nel " Programma di reportistica dei primi 100 giorni " gestito dal Centro internazionale per i giornalisti, un'organizzazione senza scopo di lucro con sede a Washington, DC.

I partecipanti al programma includevano circa una dozzina di giornalisti di organi di stampa di tutto il mondo, tra cui l'Agenzia di stampa degli Emirati, WAM.

Impatto sulle mosse positive negli Emirati Arabi Uniti, Arabia Saudita, regione più ampia Il capo dell'IRENA ha detto, con la spinta di Biden all'energia pulita, "è probabile che le questioni relative alla transizione climatica ed energetica diventino aree sempre più importanti per la cooperazione e la diplomazia tra gli Stati Uniti ei paesi della regione del Golfo".

"Come gli Stati Uniti, molti paesi della regione hanno una visione positiva delle opportunità economiche presentate dalla transizione energetica e stanno compiendo passi molto positivi per competere per una parte di questo futuro", ha osservato La Camera.

"Stiamo già vedendo sia gli Emirati Arabi Uniti che l'Arabia Saudita fare mosse molto positive per ridefinire la loro leadership energetica in un'era decarbonizzata, e questo si rafforzerà solo quando il futuro degli idrocarburi diventerà meno certo", ha osservato.

Potenziale di energia pulita e sviluppo tecnologico del Medio Oriente Ci sono anche incredibili progressi regionali in paesi come il Marocco, l'Egitto, la Giordania e tutti gli altri, ha sottolineato il direttore generale dell'IRENA.

"Credo che il Medio Oriente abbia una profonda opportunità per massimizzare le sue risorse energetiche rinnovabili e diventare un attore centrale e potenzialmente un esportatore netto di energia rinnovabile e combustibili in futuro. Gli sforzi per realizzare questo si intensificheranno nel corso del decennio ", ha affermato La Camera.

Un esperto del settore ha detto a WAM che il piano di Biden avrebbe probabilmente influenzato lo sviluppo tecnologico nel settore delle energie rinnovabili in Medio Oriente.

"Il Medio Oriente, i paesi del Golfo in particolare, guardano agli Stati Uniti come guida quando si tratta di sviluppi tecnologici", ha affermato Frank Wouters, Direttore dell'EU-GCC Clean Energy Network, un'iniziativa finanziata dall'Unione Europea per la strategia UE-GCC cooperazione in materia di energia pulita.

"I piani climatici hanno un angolo tecnologico molto forte, perché la transizione energetica ruota attorno allo sviluppo della tecnologia, che si tratti di tecnologia degli edifici, pannelli solari, turbine eoliche, elettrolizzatori d'acqua, veicoli elettrici o a celle a combustibile, beni di consumo ecc. Gli Stati Uniti, con questa iniziativa politica lungimirante, probabilmente diventeranno una centrale elettrica per la futura tecnologia energetica ", ha aggiunto.

Piano americano per l'occupazione e sviluppo tecnologico "Gli investimenti in tecnologia, tradizionale punto di forza dell'economia statunitense, pagheranno dividendi internazionali", ha affermato il direttore della rete di energia pulita UE-CCG.

Si prevede che il Piano americano per l'occupazione dell'amministrazione Biden, come parte della costruzione di una nuova infrastruttura americana e di un'economia basata sull'energia pulita, stimoli anche gli investimenti in ricerca e sviluppo.

Il Piano americano per l'occupazione è un investimento in America che creerà milioni di buoni posti di lavoro, ricostruirà le infrastrutture del paese poiché promette di costruire, riabilitare e ammodernare più di due milioni di case in tutto il paese, migliorando anche le strutture federali, secondo la Casa Bianca.

Questo sforzo creerà nuove opportunità di produzione domestica per la tecnologia di riscaldamento e raffreddamento elettrico, investirà in ricerca e sviluppo per stimolare il progresso dell'edilizia intelligente e creerà collaborazioni che consentiranno agli edifici di essere alimentati da elettricità pulita.

Gli operatori del settore regionale guardano alle opportunità di business negli Stati Uniti Masdar, Abu Dhabi Future Energy Company, prevede che il piano di Biden fornirà una serie di opportunità negli Stati Uniti per l'azienda, ha detto a WAM Mohamed Jameel Al Ramahi, Amministratore delegato di Masdar.

"Negli Stati Uniti, abbiamo progetti significativi in Texas, California e altrove. Ci aspettiamo di sfruttare l'appetito per la crescita delle energie rinnovabili. L'iniziativa Build Back Better di Joe Biden offre anche significative opportunità di espansione negli Stati Uniti in molti settori della sostenibilità ", ha spiegato.

Build Back Better è l'agenda in tre parti del presidente Biden per salvare, recuperare e ricostruire il paese, che include tre piani denominati piano di salvataggio americano, piano di lavoro americano e piano famiglie americane.

Opportunità in un'iniziativa da 2 trilioni di dollari L'amministratore delegato di Masdar ha affermato che l'iniziativa da 2 trilioni di dollari è un investimento di capitale in America una volta in un secolo per migliorare l'attuale infrastruttura e fare investimenti mirati nell'energia pulita, per ridurre l'inquinamento decarbonizzando la rete elettrica, avviando la veicoli e riducendo il consumo di energia negli edifici e nelle città.

"Ci aspettiamo pienamente che un programma di queste dimensioni e portata fornirà una serie di opportunità per noi e ci aiuterà a costruire su partnership già solide negli Stati Uniti con leader del settore come EDF e Akuo Energy", ha affermato Al Ramahi, la cui azienda è una delle aziende di energie rinnovabili in più rapida crescita nel mondo con una presenza in oltre 30 paesi.

"Abbiamo più che raddoppiato la capacità del nostro portafoglio di energie rinnovabili solo negli ultimi due anni, investendo o impegnandoci a investire in progetti con un valore combinato di 20 miliardi di dollari e una capacità di generazione prossima a 11 gigawatt (GW) con vari partner commerciali ," Lui ha spiegato.

potenza di idrogeno Allo stesso modo, Siemens Energy non vede l'ora di collaborare con il governo degli Stati Uniti e fornire ai suoi clienti la tecnologia energetica per aiutare a implementare i loro piani e raggiungere i loro obiettivi ambiziosi, ha detto a WAM Dietmar Siersdorfer, amministratore delegato di Siemens Energy Middle East.

"Abbiamo diversi progetti pilota sull'idrogeno negli Stati Uniti che ci stanno preparando a integrare grandi quantità di idrogeno nella rete in futuro. Questi progetti hanno ricevuto finanziamenti dal Dipartimento dell'Energia degli Stati Uniti (DOE), quindi dimostrano la nostra collaborazione con il governo degli Stati Uniti per consentire la transizione energetica ", ha spiegato Siersdorfer, l'idrogeno verde è sempre più visto come un ruolo estremamente importante da svolgere nella decarbonizzazione dei sistemi energetici , ha osservato.

L'idrogeno verde è un vettore energetico molto efficiente in grado di decarbonizzare settori e applicazioni che non possono essere facilmente elettrificati con elettricità rinnovabile, ha affermato il dirigente.

"Questi possono variare dal settore dei trasporti alle applicazioni industriali, alle esportazioni di energia. Stiamo assistendo a molta attenzione per l'idrogeno verde e le sue applicazioni anche in Medio Oriente ", ha sottolineato Siersdorfer.

Le tecnologie del gas giocheranno un ruolo fondamentale nella transizione energetica per bilanciare l'offerta fluttuante di energia rinnovabile e stabilizzare le reti elettriche, ha osservato.

"Inoltre, le turbine a gas sono un investimento sostenibile, funzionando con gas naturale ora e con idrogeno neutro in termini di carbonio in futuro", ha detto Siersdorfer.

Impatto globale e domestico Riguardo al più ampio impatto globale del piano per l'energia pulita di Biden, il capo dell'IRENA ha affermato: "In un contesto globale, mi aspetto anche che l'ambizione degli Stati Uniti incoraggia ulteriori impegni da paesi che devono ancora farsi avanti con i contributi stabiliti a livello nazionale (NDC) aggiornati e il 2050 obiettivi.

"Mentre i paesi che rappresentano circa il 70 percento delle emissioni globali sono ora impegnati a raggiungere lo zero netto entro il 2050, la chiave del successo risiede nell'azione collettiva. Tutte le parti devono farsi avanti con un'ambizione che supera tutti gli impegni precedenti ", ha suggerito La Camera.

Circa l'importanza interna del piano di Biden, il direttore generale dell'IRENA ha sottolineato che la posizione dell'amministrazione Biden sull'energia è molto chiara.

"Una riduzione delle emissioni di gas serra (GHG) del 50-52% rispetto ai livelli del 2005 entro il 2030 e un sistema di alimentazione completamente decarbonizzato entro il 2035, che senza dubbio includerà un significativo aumento della diffusione delle energie rinnovabili a livello nazionale".

"Come ha detto il presidente Biden, questo è un programma per la crescita americana e l'occupazione americana, così come per la mitigazione del clima", ha detto La Camera.

Obiettivi ambientali ed economici insieme "Il presidente ha posto questi obiettivi ambientali ed economici al centro del suo piano e credo che fornirà ritorni positivi. Gli Stati Uniti hanno già più di 750.000 persone impiegate nelle energie rinnovabili e gli impianti solari fotovoltaici (FV) sono tra i posti di lavoro in più rapida crescita nel paese ", ha spiegato il capo dell'IRENA.

A questo proposito, il Amministratore delegato di Masdar ha aggiunto che l'obiettivo degli Stati Uniti di ridurre i gas serra del 50-52% entro il 2030 è un obiettivo ambizioso e definisce il punto di riferimento per le altre nazioni.

"Questo mostra quanto seriamente gli Stati Uniti stiano prendendo la questione del cambiamento climatico, e speriamo di vedere altri paesi, sviluppati e in via di sviluppo, seguirne l'esempio. Dopo tutto, il dividendo verde derivante dagli investimenti in infrastrutture, attraverso iniziative come "Build Back Better" di Biden, ha il potenziale per trasformare il nostro mondo ", ha sottolineato Al Ramahi.

"Ciò richiederà la collaborazione internazionale in molti campi, dalla politica alla tecnologia al commercio, e richiederà una leadership ferma", ha detto.

Tradotto da: Mina Samir Fokeh.

https://www.wam.ae/en/details/1395302936138

WAM/Italian