lunedì 02 agosto 2021 - 3:34:39 sera

La missione degli Emirati su Marte segna il primo anno impegnativo

  • emm_mars_emirs_photos_en_v2
  • emm_mars_exi_photos_en_v2
  • emm_mars_experiments_photos_v3
  • emm_mars_emus_photos_en_v2

DUBAI, 19 luglio 2021 (WAM) - La missione degli Emirati su Marte, la prima esplorazione interplanetaria intrapresa da una nazione araba, segna domani un anno dal lancio della missione dal Centro spaziale di Tanegashima nella prefettura di Kagoshima, Giappone sudoccidentale, il 20 luglio 2020. La missione non solo ha funzionato nominalmente in tutte le aree, ma ha superato le prestazioni previste, comprendendo una serie di attività aggiuntive e liberando risorse preziose per eseguire ulteriori osservazioni.

"Abbiamo avuto un bel po' di 'spazio di manovra' oltre ai nostri parametri pianificati e la nostra fiducia nella nostra navicella spaziale è andata sempre più rafforzandosi, ad essere onesti. Siamo stati in grado di ridurre il numero di manovre di correzione della traiettoria, eseguire ulteriori osservazioni durante il nostro volo su Marte e ora abbiamo aggiunto un'intera area di studio scientifico alla missione che posso solo descrivere come un "bonus". È stato davvero un anno molto impegnativo per la sonda Speranza!" ha affermato il direttore del progetto EMM Omran Sharaf.

Il lancio da Tanegashima ha iniziato un viaggio di 493.000.000 di km per raggiungere e orbitare attorno al Pianeta Rosso, con sette originali manovre di correzione della traiettoria (TCM) ridotte a quattro a causa delle eccezionali prestazioni del veicolo spaziale durante la fase di lancio e delle prime operazioni (LEOP). Ciò ha consentito di risparmiare risorse e ha permesso al team EMM di eseguire una serie di osservazioni in rotta verso Marte.

Lo strumento dello Spettrometro a raggi ultravioletti di Marte (EMUS) è stato attivato durante la crociera della Sonda Speranza su Marte e utilizzato per l'immagine dell'idrogeno esosferico di Marte. Lo strumento è stato anche calibrato in modo incrociato con lo spettrometro PHEBUS a bordo della navicella spaziale BepiColombo dell'Agenzia spaziale europea, a sua volta in rotta verso Mercurio.

"Questi esperimenti sono stati possibili semplicemente perché la sonda speranza di Marte era in ottima forma", ha commentato Hessa Al Matroushi, responsabile scientifica di EMM.

Poiché le risorse erano disponibili e le prestazioni del veicolo spaziale superavano gli scenari di pianificazione, è stata abilitata anche la funzione di tracciamento della polvere degli strumenti di localizzazione stellare della Sonda Speranza di Marte, consentendo misurazioni della polvere interplanetaria sulla scia di Marte mentre ruota intorno al sole.

Con la riuscita manovra dell’Inserimento nell'orbita di Marte (MOI) che si è svolta il 9 febbraio 2021, la navicella spaziale della sonda Speranza di Marte si è comportata ancora una volta in modo impeccabile, passando alla sua orbita scientifica unica e altamente ellittica di 20.000 per 43.000 chilometri il 23 marzo con il suo ultimo "grande incendio" programmato. ' dei suoi sei propulsori Delta-V.

I tre strumenti della sonda sono stati attivati il 10 aprile ed è seguito un periodo di collaudo e collaudo, prima che la fase scientifica della missione iniziasse formalmente il 23 maggio. È stato durante questo periodo che il team scientifico dell'EMM ha fatto per la prima volta le straordinarie osservazioni dell'aurora discreta di Marte che hanno elettrizzato la comunità scientifica globale di Marte, rilasciando le prime immagini globali dell'aurora discreta di Marte nel lontano ultravioletto e fornendo nuove intuizioni sul fenomeno dell'aurora discreta nell'atmosfera notturna di Marte.

Utilizzando un'ulteriore gestione dei dati e la larghezza di banda disponibile, la missione può continuare a effettuare osservazioni regolari delle aurore di Marte. EMUS, lo strumento ultravioletto più sensibile che abbia mai orbitato attorno a Marte, è in grado di visualizzare questi eventi aurorali dinamici a livello globale ad alta risoluzione e su un'ampia gamma di lunghezze d'onda, fornendo una finestra senza precedenti sull'interazione dell'atmosfera con le particelle solari.

Mentre studi precedenti avevano teorizzato che l'aurora discreta fosse legata ai campi magnetici di Marte e le osservazioni esistenti erano state coerenti con quella teoria, le immagini precedenti di questo fenomeno con questa qualità erano disponibili solo come impressioni dell'artista.

"Le aurore di Marte sono un'area di intenso interesse per la comunità scientifica globale e il loro studio ha un enorme potenziale per sfidare, espandere e approfondire la nostra comprensione dell'atmosfera di Marte e della sua interazione con il pianeta e con le energie solari", ha affermato Matroushi. "Speravamo che EMUS potesse dare un contributo in questo settore, ma ora sappiamo con assoluta certezza che il contributo sarà rivoluzionario".

La sonda Speranza sta seguendo la sua prevista orbita scientifica ellittica di 20.000-43.000 km, con un'inclinazione verso Marte di 25 gradi. La sonda completerà un'orbita del pianeta ogni 55 ore e catturerà un campione completo di dati planetari ogni nove giorni in una missione di due anni per mappare le dinamiche atmosferiche di Marte. I dati scientifici della missione saranno rilasciati a livello globale senza embargo, dopo un periodo di convalida e controllo, nell'ottobre 2021.

EMM e la sonda Speranza sono il culmine di un trasferimento di conoscenze e di uno sforzo di sviluppo iniziato nel 2006, che ha visto gli ingegneri degli Emirati lavorare con partner in tutto il mondo per sviluppare le capacità di progettazione, ingegneria e produzione di veicoli spaziali degli Emirati Arabi Uniti. Hope è un veicolo spaziale completamente autonomo, che trasporta tre strumenti per misurare l'atmosfera di Marte. Con un peso di circa 1.350 kg e le dimensioni approssimative di un piccolo SUV, il veicolo spaziale è stato progettato e sviluppato dagli ingegneri del MBRSC che lavorano con partner accademici, tra cui LASP presso l'Università del Colorado, Boulder; Arizona State University e Università della California, Berkeley.

La Missione Marte degli Emirati studierà l'atmosfera marziana, la relazione tra lo strato superiore e le regioni inferiori e, per la prima volta, la comunità scientifica internazionale avrà pieno accesso a una visione olistica dell'atmosfera marziana in diversi momenti della giornata, attraverso stagioni diverse. Inoltre, ora mirerà a dare un contributo significativo alla nostra comprensione delle aurore di Marte.

Lo storico viaggio della sponda Speranza verso il Pianeta Rosso coincide con un anno di celebrazioni per celebrare il Giubileo d'Oro degli Emirati Arabi Uniti.

Tradotto da: Mina Samir Fokeh.

http://wam.ae/en/details/1395302954101

WAM/Italian