sabato 04 dicembre 2021 - 11:48:52 mattina

Gli Emirati Arabi Uniti aggiornano il protocollo per raduni, matrimoni e funerali a casa: briefing sui media del governo degli Emirati Arabi Uniti

video imaggini

ABU DHABI, 19 ottobre 2021 (WAM) - Il dott. Taher Al Ameri, portavoce ufficiale dell'Autorità nazionale per la gestione delle crisi e dei disastri (NCEMA), ha annunciato aggiornamenti ai protocolli relativi all'ospitare celebrazioni, raduni, matrimoni e funerali a casa e restrizioni sui voli charter aziendali.

Durante un briefing con i media del governo degli Emirati Arabi Uniti sulla pandemia di COVID-19, il dott. Al Ameri ha affermato che, nel corso dei due anni della pandemia, gli Emirati Arabi Uniti sono riusciti a trasformare tutte le sfide emergenti in opportunità, dimostrando la propria disponibilità a gestire le peggiori condizioni.

"Il modello di gestione delle crisi degli Emirati Arabi Uniti è diventato un esempio da emulare ed è considerato un'esperienza unica nell'adozione di misure proattive per evitare i rischi", ha affermato.

Il dott. Al Ameri ha aggiunto: "L'approccio degli Emirati Arabi Uniti e il suo successo hanno evidenziato il modello d'azione delle autorità nazionali che utilizza un ecosistema integrato per gestire sfide e rischi con elevata flessibilità".

Il settore sanitario degli Emirati Arabi Uniti sta continuando i suoi sforzi per ottenere l'immunità acquisita, con il 96,45 percento della popolazione che ha ricevuto la prima dose e l'86,45 percento della popolazione completamente vaccinata, ha spiegato.

"Siamo orgogliosi del ruolo della comunità nel sostenere gli sforzi nazionali, in particolare i suoi contributi al successo della strategia di test degli Emirati Arabi Uniti, poiché siamo vicini a raggiungere i 90 milioni di test condotti a livello nazionale", ha affermato il dott. Al Ameri.

Assicuriamo al pubblico che gli Emirati Arabi Uniti stanno continuando a monitorare la pandemia, con l'obiettivo di migliorare l'immunità acquisita e garantire la sicurezza del pubblico, ha aggiunto.

Il dottor Al Ameri ha dichiarato: "Il nuovo protocollo sulle riunioni domestiche, i matrimoni e i funerali prevede l'impostazione di una capacità dell'80 percento per tali attività e un limite di partecipanti non superiore a 60 persone, oltre a 10 persone extra come personale di servizio.

"I partecipanti che hanno ricevuto il vaccino più di 14 giorni fa sono autorizzati a partecipare, a condizione che soddisfino i requisiti del pass verde attraverso l'applicazione Al Hosn e quelli della terza dose e altri protocolli pertinenti".

Tutti i partecipanti devono fornire risultati negativi dei test PCR condotti meno di 48 ore prima della data dell'evento, ha aggiunto.

Il protocollo include anche una serie di misure preventive volte a garantire la sicurezza dei partecipanti, tra cui controlli della temperatura, utilizzo obbligatorio della mascherina e igienizzazione.

Il processo di ingresso sarà regolamentato per evitare il sovraffollamento, oltre all'utilizzo di barriere per organizzare le attività di ingresso e uscita.

"Esortiamo i partecipanti a non stringere la mano e a mantenere sempre una distanza fisica di 1,5 metri, mentre un massimo di 10 persone possono essere sedute allo stesso tavolo", ha continuato il dott. Al Ameri. "Vi esortiamo anche a non presentarvi a tali eventi se avete sintomi respiratori o febbre.

Ha aggiunto: "In linea con il graduale ritorno alla normalità e in coordinamento con l'NCEMA e l'Autorità per l'aviazione civile generale (GCAA), siamo lieti di annunciare il nuovo protocollo sui voli charter aziendali".

Ha chiarito che il protocollo copre gli imprenditori residenti e in visita e prevede che debbano registrare il loro arrivo, presentando la relativa attraverso il sito web dell'ACI. Devono inoltre presentare l'approvazione ufficiale rilasciata dall'Autorità federale per l'identità, la cittadinanza, le dogane e la sicurezza dei porti e una copia dei certificati di vaccinazione all'arrivo, ha proseguito.

Gli uomini d'affari che arrivano negli Emirati Arabi Uniti devono anche presentare un risultato negativo del test PCR con un codice QR datato meno di 48 ore prima della partenza, nonché un risultato negativo di un test Rapid PCR effettuato in aeroporto entro sei ore dall'orario di partenza.

Inoltre, verrà effettuato un test PCR all'arrivo negli Emirati Arabi Uniti, con altri due da sostenere il quarto e l'otto giorni. Il protocollo include anche la cancellazione della capacità massima dei voli charter aziendali, consentendo a tutti gli uomini d'affari vaccinati di entrare negli Emirati Arabi Uniti secondo le linee guida stabilite.

Il dott. Al Ameri ha inoltre aggiunto: "Lodiamo tutti gli sforzi nazionali volti a garantire il recupero dalla pandemia di COVID-19 e ringraziamo tutti i segmenti della comunità per aver aderito ai protocolli pertinenti.

"Esortiamo il pubblico a continuare ad aderire alle linee guida applicabili, che rafforzeranno il processo di recupero e ridurranno ulteriormente le infezioni".

"Esortiamo tutti ad impegnarsi nei protocolli aggiornati annunciati dalle autorità ufficiali", ha detto, in conclusione.

Tradotto da: Mina Samir Fokeh.

http://wam.ae/en/details/1395302982722

WAM/Italian