lunedì 27 giungo 2022 - 4:30:48 sera

La nuova ricerca della NYU Abu Dhabi potrebbe rendere più efficienti i trattamenti antitumorali


ABU DHABI, 25 maggio 2022 (WAM) - Un team guidato dal professore di biologia, vicepresidente senior della ricerca presso l'Università di New York Abu Dhabi (NYUAD) e Sehamuddin Galadari, nazionale degli Emirati Arabi Uniti, ha scoperto una nuova modifica strutturale nella proteina chinasi attivata da AMP (AMPK) durante la terapia antitumorale che potrebbe aprire la strada allo sviluppo di trattamenti antitumorali più efficaci.

AMPK funziona normalmente come il sensore di energia cellulare che si attiva quando c'è una carenza di energia nel corpo. Una volta attivato, AMPK dà il via agli eventi nella cella che ripristinano il bilancio energetico. Il componente principale di AMPK esiste sotto forma di due isoforme (proteine funzionalmente simili) - AMPK-1eAMPK-2.

In un articolo intitolato "Caspase cleavage and nuclear retention of the energy sensor AMPK-α1 during apoptosis" in Cell Reports, il team di ricerca ha identificato che l'enzima caspase-3 scinde specificamente AMPK- 1 (ma non - 2) durante il trattamento antitumorale. Gli scienziati hanno anche identificato la posizione precisa del troncamento – il processo di accorciamento di qualcosa rimuovendone una parte – e hanno scoperto che, di conseguenza, l'AMPKscisso- 1 rimane intrappolato nel nucleo cellulare.

I risultati sono di significativa importanza clinica e biologica perché aiuteranno i ricercatori a progettare e sviluppare un farmaco che si rivolge specificamente all'AMPK-1scisso all'interno del nucleo, che potrebbe aumentare l'efficacia della chemioterapia o radioterapia esistente.

Commentando i risultati, Galadari ha dichiarato: "Nonostante i progressi nella ricerca biomedica e nelle applicazioni cliniche, il cancro rimane una delle principali cause di morte in tutto il mondo. La maggior parte dei farmaci antitumorali agisce inducendo la morte nelle cellule tumorali. Tuttavia, la resistenza alla terapia continua ad essere il principale fattore limitante nel raggiungimento di cure contro il cancro.

Ricercatore NYUAD e primo autore del documento Anees Rahman ha aggiunto: "Una migliore comprensione delle funzioni specifiche del compartimento di AMPK-α1 ci aiuterà nello sviluppo di strategie per ottimizzare il risultato clinico degli interventi terapeutici."

Tradotto da: Hussein Abuel Ela.

http://wam.ae/en/details/1395303050803

WAM/Italian