COP28: "Massima ambizione" da Presidente designato e Presidente della Commissione europea

COP28:

Versione aggiornata

BRUXELLES, 7 giugno 2023 (WAM) - Il Dott. Sultan bin Ahmed Al Jaber, Ministro dell'Industria e della Tecnologia Avanzata e Presidente designato della COP28, ha incontrato oggi Ursula von der Leyen, Presidente della Commissione Europea, ha riaffermato il loro impegno a lavorare insieme per facilitare la "massima ambizione possibile" per la conferenza sul clima COP28 di quest' anno.

I leader hanno rilasciato una dichiarazione congiunta a seguito di un incontro presso la sede della Commissione europea a Bruxelles.

All'incontro hanno partecipato anche Franz Timmermans, esecutivo della Commissione europea, vicepresidente per il Green Deal europeo, e Josep Borrell, alto rappresentante dell'UE per gli affari esteri e la politica di sicurezza, l'ambasciatore Lana Zaki Nusseibeh, rappresentante permanente degli Emirati Arabi Uniti presso le Nazioni Unite e inviato speciale presso l'UE, e Mohamed Al Sahlawi, ambasciatore degli Emirati Arabi Uniti nel Regno del Belgio.

La dichiarazione ha evidenziato una visione comune per una transizione energetica giusta che non lasci indietro nessuno e che promuova politiche e investimenti che aumentino le energie rinnovabili mentre si lavora verso un sistema energetico privo di combustibili fossili senza sosta, garantendo sicurezza energetica, accessibilità e convenienza.

Al Jaber ha dichiarato: “L'Europa e l'Unione europea stanno già svolgendo un ruolo di primo piano nell'azione per il clima e saranno partner vitali e affidabili alla COP28. Apprezziamo il sostegno della Commissione europea alla nostra richiesta di triplicare le energie rinnovabili entro il 2030. Non possiamo raggiungere i nostri obiettivi condivisi a meno che non lavoriamo insieme in uno sforzo collettivo.

Il Presidente designato della COP28 e il Presidente della CE hanno esortato tutti i governi ad allineare i loro sforzi nazionali con l'impegno condiviso per raggiungere gli obiettivi a lungo termine dell'Accordo di Parigi, compresi gli sforzi per mantenere l'aumento della temperatura globale a 1,5 gradi Celsius a portata di mano.

Con il primo bilancio globale dell'accordo di Parigi concluso alla COP28, i leader hanno anche concordato sull'importanza di garantire che informi l'azione per il clima in futuro, definendo percorsi per la riduzione delle emissioni, una maggiore resilienza e flussi finanziari in linea con gli obiettivi climatici.

Entrambe le organizzazioni lavoreranno insieme in più aree per guidare una transizione energetica giusta, puntando a triplicare la capacità di energia rinnovabile entro il 2030 e raddoppiare l'idrogeno pulito sbloccando il commercio transfrontaliero globale.

Operare accordi di finanziamento per il fondo perdite e danni per assistere le comunità più vulnerabili è stato visto come fondamentale, con entrambe le parti che sostengono la piena attuazione del piano di consegna da 100 miliardi di dollari in modo che l'obiettivo possa essere raggiunto nel 2023.

Il raddoppio dei finanziamenti per l'adattamento rispetto ai livelli del 2019 contribuirà a garantire che tutti i paesi rimangano concentrati sul sostegno all'azione per il clima e la presidenza della COP28 e la Commissione cercheranno anche di rispettare gli impegni assunti sulle strutture esistenti, come il Fondo verde per il clima.

Entrambe le organizzazioni cercheranno anche di gettare le basi per una più ampia mobilitazione di finanziamenti per il clima da tutte le fonti che soddisfino le esigenze dei paesi in via di sviluppo per intraprendere la transizione energetica. Ciò includerà l'avanzamento delle riforme alle istituzioni finanziarie internazionali esistenti (IFI) e l'identificazione di meccanismi innovativi che accelereranno l'azione per il clima e sbloccheranno il flusso di finanziamenti privati verso i mercati emergenti e le economie in via di sviluppo.

“Il capitale sarà la chiave in ogni pilastro del clima – e quello che ho sentito ripetutamente nei miei viaggi è che la finanza climatica non è neanche lontanamente disponibile, accessibile o abbastanza accessibile”, ha detto il dott.

La Commissione ha inoltre espresso il proprio sostegno all'iniziativa della presidenza entrante della COP28 di organizzare la prima giornata sanitaria e la prima riunione ministeriale sulla salute del clima.

La Commissione europea e la prossima presidenza COP28 intendono mantenere uno stretto coordinamento a livello politico e tecnico nei prossimi mesi, lavorando insieme in occasione di una serie di eventi. Questi includono il vertice per un nuovo patto di finanziamento globale il 22-23 giugno, la riunione ministeriale sull'azione per il clima il 13-14 luglio, la riunione dei ministri dell'energia del G20 il 22 luglio, la riunione dei ministri dell'ambiente e della sostenibilità del G20 il 28 luglio, il vertice dei leader del G20 il 9-10 settembre, il vertice sul clima dell'UNSG il 20 settembre e molteplici forum politici regionali in tutto il mondo.

“Combattere il cambiamento climatico richiederà uno sforzo collettivo – e questo significa che tutti, ovunque”, ha detto il dottor Al Jaber. Abbiamo bisogno di solidarietà, unità e partenariato in tutti i settori e tra tutte le parti interessate per passare dagli obiettivi alla realizzazione. La COP28 deve essere una COP di azione e una COP per tutti se vogliamo realizzare la trasformazione a livello di sistema di cui il mondo ha bisogno ”.

Nel corso della sua visita a Bruxelles, Sultan ha anche incontrato Charles Michel, presidente del Consiglio europeo. Più tardi oggi, il Presidente designato della COP dovrebbe pronunciare osservazioni in un ricevimento ospitato dall'Ambasciata degli Emirati Arabi Uniti a Bruxelles.

Tradotto da: Hussein Abuel Ela.

https://wam.ae/en/dettagli/1395303166420