Bambino miracoloso nato dopo una procedura intrauterina unica negli Emirati Arabi Uniti

Bambino miracoloso nato dopo una procedura intrauterina unica negli Emirati Arabi Uniti

ABU DHABI, 14 settembre 2023 (WAM) - Con un risultato medico significativo, una bambina sana è nata da una coppia colombiana dopo che i medici hanno riparato il suo difetto spinale due mesi fa mentre era ancora nel grembo di sua madre.
L'intervento pionieristico per affrontare la riparazione aperta della Spina Bifida in utero, effettuato da un team di chirurghi esperti presso la Città medica di Burjeel, ha segnato un'importante pietra miliare nel campo della medicina fetale negli Emirati Arabi Uniti. Secondo i medici, sia la piccola Maryam Violeta che sua madre, Liz Valentina Parra Rodriguez, sono in buona salute e sono state dimesse dall'ospedale.
La spina bifida aperta è un difetto congenito che si verifica quando le ossa della colonna vertebrale non si formano e questo porta il midollo spinale a rimanere esposto al liquido amniotico. La condizione può portare a gravi complicazioni neurologiche e disabilità fisiche. L’incidenza media mondiale della Spina Bifida è di uno ogni 1.000 nati.
Dopo che la procedura è stata eseguita a giugno, l'équipe medica guidata dal dottor Mandeep Singh, consulente di medicina fetale e ostetricia, direttore del Kypros Nicolaides Fetal Medicine & Therapy Center presso la Città medica di Burjeel, ha monitorato da vicino i progressi sia del bambino che del bambino. madre nei due mesi successivi all’intervento.
Durante l'intervento di riparazione del feto, i medici hanno praticato una piccola incisione sull'utero e la parte posteriore del bambino è stata esposta per consentire al neurochirurgo di chiudere il difetto della spina bifida. I medici usarono un cerotto sintetico per coprire il difetto e il liquido amniotico fu poi instillato nella cavità e l'utero fu richiuso e il bambino rimase nell'utero per il resto della gravidanza.
La piccola Maryam è stata partorita dalla dottoressa Ritu Nambiar, consulente, ostetrica e ginecologa, dopo che Liz è entrata in travaglio spontaneo a 35+4 settimane. Il bambino, che pesava 2,46 kg alla nascita, aveva una piccola fessura nella pelle sopra la schiena, che è stata chiusa dal dottor Essam Elgamal, consulente neurochirurgo. Il bambino era affidato alle cure di un'équipe medica neonatale guidata dal dottor Iviano Rudolph Ossuetta, consulente e direttore della neonatologia.
Sebbene sia troppo presto per commentare l’entità del recupero, l’équipe medica è cautamente ottimista riguardo al suo futuro. Secondo loro, la vescica funziona bene ed entrambe le gambe hanno tono e movimenti normali.
“La riparazione della spina bifida era intatta e quindi la procedura in utero è considerata riuscita. La piccola Maryam mostra segnali positivi di ripresa. Anche se è ancora presto per prevedere l'entità della sua guarigione, i primi indicatori sono promettenti. L'ecografia e la risonanza magnetica del cervello sono normali e quindi non vi è alcuna indicazione per l'esecuzione dello shunt VP, il che rappresenta un netto vantaggio nell'eseguire la riparazione in utero. Lo shunt VP viene spesso utilizzato per gestire l'accumulo eccessivo di liquido cerebrospinale nel cervello, che può essere una complicanza comune nei casi di spina bifida", ha affermato il dott. Mandeep.
“Siamo già in contatto con un team di medici della nostra organizzazione partner Colsanitas Clinic, in Colombia, e ci occuperemo della piccola Maryam una volta che tornerà a casa a Bogotà, in Colombia. Dovrà sottoporsi a controlli di follow-up con un urologo pediatrico, un neurologo pediatrico e un fisioterapista", ha aggiunto il medico.
Liz e suo marito Jason Mateo Moreno Gutierrez si stanno preparando a tornare nel loro paese d'origine, la Colombia, tra due settimane insieme alla piccola Maryam.
Tradotto da: Mina Samir Fokeh
https://wam.ae/en/details/1395303197302